Le altre posizioni, quelle di proprietari, imprenditori e tecnici, saranno discusse nell'udienza del 23 ottobre prossimo

Abusi edilizi, prosciolti gli amministratori comunali coinvolti

​La vicenda risale a febbraio 2014 e riguarda l’attuazione della programmazione urbanistica nei cosiddetti comparti C, D, E ed F​. Lo scorso 5 giugno, il gup ha disposto il non luogo a procedere

Cronaca
Ruvo di Puglia venerdì 08 giugno 2018
di La Redazione
Il Comune di Ruvo
Il Comune di Ruvo © RuvoLive.it

Nel febbraio del 2014, il sostituto procuratore della Repubblica di Trani Antonio Savasta emise 92 avvisi di garanzia nei confronti di amministratori, ex amministratori e dirigenti del Comune di Ruvo di Puglia, nonché imprenditori, progettisti e proprietari dei suoli, indagati a vario titolo per abuso d’ufficio, falso e lottizzazione abusiva. I fatti risalivano agli anni tra il 2008 e il 2012 e riguardavano l’attuazione della programmazione urbanistica nei cosiddetti comparti C, D, E e F, nella periferia della città. In particolare, si faceva riferimento all’approvazione di delibere di Consiglio comunale riguardanti varianti ai piani di lottizzazione.

Dopo più di quattro anni, lo scorso 5 giugno, il giudice dell’udienza preliminare, su richiesta dei legali degli imputati e con l'ok della pubblica accusa, ha emesso la sentenza con cui ai sensi dell'articolo 425 del codice penale ha disposto il non luogo a procedere per consiglieri, sindaci e assessori coinvolti. Esso riguarda il Capo C)- Comparto B; il Capo F)- Comparto C; il Capo O)- Comparto D; il Capo A14) -Comparto E; il Capo A17)-Comparto F. Altri amministratori, nello specifico sindaco e assessori dell'epoca (la Giunta Ottombrini, ndr) sono stati prosciolti anche per i reati ascritti al Capo A 43; Capo A5; Capo A9. Per quello ascritto al Capo A9, la monetizzazione, stessa sentenza per un funzionario comunale.

Si tratta dunque di una scrematura della corposa richiesta di rinvio a giudizio fatta dal pm nell’ottobre del 2015. Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro 90 giorni.

L'udienza per l'esame di tutte le altre posizioni, che riguardano proprietari, imprenditori e tecnici, è stata aggiornata al 23 ottobre prossimo.

Lascia il tuo commento
commenti