Una parte della refurtiva è stata già restituita ai legittimi proprietari

Nascondevano in casa droga e reperti archeologici rubati, arrestata una donna e deferiti due uomini

Brillante operazione portata a termine dai Carabinieri di Ruvo di Puglia. Arrestata per spaccio e ricettazione una coratina di ventuno anni. Deferito in stato di libertà il compagno della giovane donna, finora irreperibile

Cronaca
Ruvo di Puglia sabato 25 agosto 2018
di La Redazione
Nascondevano in casa droga e reperti archeologici rubati, arrestata una donna e deferiti due uomini
Nascondevano in casa droga e reperti archeologici rubati, arrestata una donna e deferiti due uomini © carabinieri bari

Brillante operazione portata a termine dai Carabinieri di Ruvo di Puglia negli scorsi giorni a contrasto di gravi reati contro il patrimonio. Arrestata una ragazza di ventuno anni, denunciati il suo compagno trentacinquenne ed un uomo di sessantadue anni. Recuperata droga, refurtiva e reperti archeologici.

Le attività di polizia giudiziaria sono partite in seguito a denunce per furti messi a segno alcuni giorni fa ai danni di diversi commercianti ruvesi. L’analisi delle modalità, dei tempi e dei luoghi dove erano avvenuti hanno indotto i Carabinieri a concentrare le indagini su alcuni soggetti ritenuti sospetti.

A seguito di un'attività di osservazione durata alcuni giorni, i militari hanno deciso di effettuare una perquisizione domiciliare a carico di una ragazza ventunenne, di origini coratine, convivente con un trentacinquenne ruvese risultato poi irreperibile. Quando gli agenti sono entrati in casa, la ragazza - afferma l'informativa dei carabinieri - si è mostrata subito particolarmente agitata. Poco dopo, in effetti, gli agenti hanno reperito nell'appartamento 21 grammi di cocaina, 5 grammi di eroina, un minimo quantitativo di marijuana e materiale per il confezionamento degli stupefacenti.

Durante la perquisizione è stata poi rinvenuta una grande quantità di merce, di probabile provenienza furtiva, accatastata in una stanza: vari capi di abbigliamento, oggetti d’arredo, strumenti per lavori edili, ventilatori, derrate alimentari, prodotti ittici, materiali di cancelleria, articoli per la scuola e persino una statua ritraente la Madonna di Lourdes. La ragazza non è stata in grado di chiarirne l'origine dei beni, sottoposto a sequestro assieme ad alcuni strumenti da scasso.

I carabinieri hanno di lì a poco perquisito anche l'abitazione di un congiunto del compagno della coratina, presumendo che parte della refurtiva e delle sostanze stupefacenti potessero essere occultate anche altrove. Nell'appartamento di un sessantaduenne ruvese, incensurato, sono stati ritrovati altri prodotti ittici della stessa natura di quelli già recuperati, numerose bottiglie di fertilizzanti, parti di motociclette marca Ducati e ben ventiquattro pezzi di vasellame ed anfore antiche, nascoste all’interno di un pozzo. Su questi ultimi reperti sono già in corso gli accertamenti dei militari del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari, intervenuto sul posto.

I carabinieri della Stazione di Ruvo di Puglia hanno già rintracciato i proprietari di parte della merce e dei materiali di evidente origine illecita recuperati, dei quali nei prossimi giorni avverrà la restituzione. La giovane donna è stata tratta in arresto e, su disposizione della competente A.G., è stata condotta presso il Carcere Femminile di Trani. Dovrà rispondere di detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti e di ricettazione. Il compagno ruvese, al momento irreperibile, ed il sessantaduenne congiunto sono stati invece deferiti in stato di libertà, il primo per gli stessi capi di imputazione della donna, il secondo per ricettazione e possesso illegale di beni archeologici.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti