Myplant & garden 2019

Premio alla carriera per Antonio Pagano: «Ho avuto al mio fianco una squadra eccezionale»

​Era il 1968 quando, a soli 20 anni, il patron della FlorPagano costruì la sua prima serra, togliendo le tegole dai 25 metri quadrati della soffitta della casa paterna e ricoprendoli di plastica​

Cronaca
Ruvo di Puglia martedì 05 marzo 2019
di Elena Albanese
La consegna del premio ad Antonio Pagano
La consegna del premio ad Antonio Pagano © FlorPagano

Era il 1968 quando, a soli 20 anni, Antonio Pagano costruì la sua prima serra togliendo, con il consenso dei suoi genitori, le tegole dai 25 metri quadrati della soffitta della casa paterna e ricoprendoli di plastica.

Da allora sono passati 50 anni, in cui la sua passione e il suo sogno di coltivare e vendere fiori e piante -si sono trasformati nella FlorPagano, una solida realtà di successo a poche centinaia di metri dal centro della sua città, Ruvo di Puglia. Un'impresa nella quale lavorano oggi 35 persone, che si estende su circa 14mila ettari di superficie.

Una carriera sempre in ascesa, quella del signor Pagano, che è stata degnamente festeggiata lo scorso 1° dicembre con un grande evento “in famiglia”: uno show condotto da Mauro Pulpito nella storica sede dell’azienda e puntellato di racconti, musica, momenti di spettacolo e soprattutto ricordi ed emozioni. Ma celebrata anche durante la 5° edizione della fiera internazionale Myplant & garden, tenutasi a Milano dal 20 al 22 febbraio scorsi. L’esposizione, nata nel 2015 (ma ideata circa due anni prima) e diventata punto di riferimento per il settore, vede proprio Alessandro e Gianluca Pagano, figli di Antonio e oggi titolari dell’azienda, tra i sette giovani soci fondatori.

Ed è proprio nel capoluogo lombardo che il capostipite della famiglia ha ricevuto il premio alla carriera “per aver contribuito in maniera significativa allo sviluppo della tecnologia nel settore florovivaistico italiano”, come si legge nelle motivazioni del riconoscimento. Nel 1982, infatti, fu il primo nel nostro Paese ad automatizzare le serre grazie a un computer “floricolo”. Fino ad allora, la gestione del clima al loro interno era esclusivamente manuale: apertura degli sportelli, accensione del riscaldamento… Ciò che oggi fa la domotica nelle abitazioni, il signor Pagano se l’è inventato quasi quarant’anni fa per i suoi fiori. Questa innovazione ha contribuito in maniera fondamentale alla successiva automazione dei processi, alla robotizzazione dello spostamento delle piante e a molto altro ancora.

Un premio che il patron della FlorPagano ha condiviso – non senza commozione - con la moglie Marta, i figli Alessandro, Gianluca e Lucrezia e con tutti i collaboratori, perché «una persona da sola non va da nessuna parte, se non ha alle spalle uno staff che gli dà forza e idee.

Se ho raggiunto tutto questo – ha detto nel ritirare la targa – è perché in questi anni ho avuto al mio fianco una squadra eccezionale, in particolare i giovani, che sono più predisposti al cambiamento e all’innovazione».

Lascia il tuo commento
commenti