Il fatto

Furto al teatro dei burattini, la solidarietà di un'intera comunità

Lo sdegno del sindaco Chieco su Facebook, che definisce il gesto una "porcata​" e dice: «Le telecamere della Polizia Municipale che coprono la piazza potrebbero aiutarci a trovare i responsabili»​

Cronaca
Ruvo di Puglia domenica 20 ottobre 2019
di La Redazione
Il burattinaio Alessio Sasso a Palo
Il burattinaio Alessio Sasso a Palo © Gaetano Racanelli

Nel suo periodo di permanenza a Ruvo di Puglia in piazza Matteotti, il teatrino dei burattini di Alessio Sasso ha subìto un furto di materiale e attrezzature, tanto da essere costretto a lasciare la nostra città prima della data prevista.

La vicenda ha provocato in tante persone sentimenti di rabbia, sdegno e vergogna, perché è inammissibile che “si possano rubare i sogni dei più piccoli”. Il primo a farsene portavoce è stato proprio il sindaco Pasquale Chieco, che ha definito il gesto «un atto ignobile, un'autentica porcata, perché colpisce un giovane professionista che produce cultura e la dona alle bambine e ai bambini».

Nello stesso post su Facebook, il Primo cittadino comunica di aver parlato con i carabinieri della locale stazione «pregandoli vivamente di dare a questa vicenda, niente affatto piccola, l'importanza che merita; le telecamere della Polizia Municipale che coprono la piazza potrebbero aiutarci a trovare i responsabili. Il problema della piccola delinquenza a Ruvo è serio – prosegue - e seriamente stiamo provando a contrastarlo cercando soluzioni efficaci e definitive».

Dice di aver anche sentito il burattinaio, al quale ha manifestato tutta la vicinanza e la solidarietà della comunità ruvese, garantendo inoltre la disponibilità del Teatro Comunale di Ruvo di Puglia a fornirgli il materiale di cui ha bisogno per riprendere a lavorare. «Mi ha detto che ritornerà, che non vuole dargliela vinta; è una bella notizia. La comunità ha ancora bisogno della sua fantasia…», conclude Chieco.

Ma il sindaco non è l’unico a essersi interessato della vicenda. Infatti, in tutto il paese e sui social, è partita in maniera spontanea una colletta per ricomprare quanto sottratto, il cui valore ammonta a circa mille euro. Le libere donazioni saranno raccolte da Mariangela Pellegrini nel suo negozio Bollicine, sito proprio in piazza Matteotti. La stessa, provvederà poi a bonificare l'importo ai burattinai.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • anacleto berardi ha scritto il 20 ottobre 2019 alle 08:57 :

    che vergogna. mi scuso a nome dei miei concittadini con il giovane artista. ma è un segno dei tempi. ormai quasi nessun reato viene adeguatamente perseguito e punito. il buon andamento della nostra piccola, sempre più piccola comunità viene essenzialmente affidato alle buone volontà ed alle buone educazioni dei singoli. ma in ogni paniere allignano mele marce, protette da leggi insulse e unicamente "pro reo" , da un generale sentimento di rassegnazione. Rispondi a anacleto berardi