L'aggiornamento

Covid-19, a Ruvo di Puglia salgono a 20 i casi positivi

Lo annuncia il Sindaco sulla pagina istituzionale Facebook

Cronaca
Ruvo di Puglia lunedì 18 maggio 2020
di La Redazione
Il sindaco Pasquale Chieco
Il sindaco Pasquale Chieco © Facebook

In un videomessaggio sulla pagina istituzionale Facebook, il sindaco Pasquale Chieco ha annunciato che a Ruvo di Puglia ci sono 6 nuovi casi positivi al Covid-19, legati al caso del farmacista Beppe Caputi.

Altri 2 casi segnalati non sono nuovi: infatti, sono persone risultate positive al secondo test del tampone.

Ancora in quarantena, la cittadina ruvese che vive e lavora in altra città.

Il Primo Cittadino ha ricostruito il quadro epidemiologico in città con la Asl di Bari e il Dipartimento di Prevenzione.

A Ruvo di Puglia, quindi, i casi positivi salgono a 20.

Tutti i nuovi casi sono asintomatici, stanno bene, nessuno è ospedalizzato.

Anche gli altri casi positivi sono in buone condizioni.

Il Sindaco, che saluta tutti calorosamente, in particolare il farmacista Beppe Caputi, auspica che questo dato faccia riflettere e induca ad avere comportamenti corretti e responsabili.

Il Sindaco informa che sarà sempre sollecito nel fornire gli aggiornamenti, previo confronto con le Autorità preposte.


Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Andrea scarongella ha scritto il 05 giugno 2020 alle 06:13 :

    Dottore ,ti auguro una pronta guarigione ,un abbraccio forza e coraggio Rispondi a Andrea scarongella

  • Prisco Rosanna ha scritto il 30 maggio 2020 alle 07:15 :

    Sindaco mo dite che scendono a 9 I casi da coronavirus ma gli altri erano malati o no? Rispondi a Prisco Rosanna

  • francesco.tedone ha scritto il 19 maggio 2020 alle 04:47 :

    Caro signor sindaco in città ci sono persone completamente menefreghiste della vita.Si faccia un giro di prima mattina su via vecchia Corato o su via Ugo Foscolo noterà decine e decine di gruppi composti da solo donne sprovviste di mascherine che camminano assembrate come se nulla fosse successo fino ad ora.Chi si ammala purtroppo perché costretto a lavorare riceve la mia solidarieta ma, chi si ammala perché incosciente merita tutto il mio disprezzo.Per cortesia mandate i vigili a multare queste persone disprezzatrici della vita altrui.Buona giornata . Rispondi a francesco.tedone

    Prisco Rosanna ha scritto il 19 maggio 2020 alle 14:24 :

    Esatto lo sto dicendo da giorni Rispondi a Prisco Rosanna

    anacleto berardi ha scritto il 19 maggio 2020 alle 12:41 :

    ma non solo. la zona industriale è diventata la nuova mèta per ciclisti da strapazzo, donne e uomini in sovrappeso, passeggiatori, passeggiatrici, con prole al seguito, tutti rigorosamente assembrati e tutti rigorosamente senza protezioni di alcun tipo. senza poi parlare di alcuni bar in cui bivaccano onnitempo elementi idroalcolici anche questi indossate, nella migliore delle ipotesi, in fronte o sotto il mento ... tutta gente che in qualsiasi altro universo che non fosse il nostro, sarebbe stata mandata a lavorare seriamente a calci nel sedere... e vogliamo parlare delle strade dell'amore, recentemente rianimatesi?... (continua)... Rispondi a anacleto berardi

    Prisco Rosanna ha scritto il 19 maggio 2020 alle 19:16 :

    Assembramenti a gogo Rispondi a Prisco Rosanna