Scuola e misure di sicurezza antiCovid-19

Il consigliere comunale Giovanni Mazzone (Pp): «Chi distribuisce mascherine agli alunni?»

​In una nota congiunta con l'architetto Mariantonietta Curci. La richiesta di chiarimenti è rivolta al sindaco Pasquale Chieco in vista della riapertura delle scuole prevista per il 28 settembre

Cronaca
Ruvo di Puglia venerdì 18 settembre 2020
di La Redazione
Mascherine monouso
Mascherine monouso © n.c.

Il consigliere comunale di Puglia Popolare Giovanni Mazzone e l'architetto Mariantonietta Curci, in una nota «nell’interesse della comunità ruvese», sollecitano chiarimenti da parte del sindaco Pasquale Chieco sulla distribuzione di mascherine monouso agli alunni, in vista della imminente apertura delle scuole, prevista per il 28 settembre.

«Si apprende che il Centro Operativo Comunale sta operando per assicurare la ripartenza dell’anno scolastico in sicurezza nel rispetto delle norme anticovid. Considerando che fanno parte del suddetto comitato, oltre al Sindaco, i rappresentanti delle scuole ruvesi di ogni ordine e grado, i direttori degli uffici comunali e il rappresentante dei medici di famiglia, non si capisce il perché non ci sia stato coordinamento tra gli stessi in merito alla dotazione delle mascherine monouso agli alunni.

Il Ministero dell’Istruzione, con la nota 1529 del 10 settembre, a firma del capo dipartimento Giovanna Boda, fornisce chiarimenti di tipo organizzativo sull’inizio dell’anno scolastico: in particolare, il Ministero ricorda che, “a partire dai giorni 27 e 28 agosto 2020, la struttura del Commissario Straordinario per l’emergenza Covid ha avviato la distribuzione di mascherine monouso di tipo chirurgico, gel igienizzante e arredi nelle istituzioni scolastiche”.

Per quanto riguarda la distribuzione di mascherine e gel igienizzante, il Ministero specifica nella nota che “la fornitura di mascherine viene effettuata, a cura della struttura commissariale, per tutto il personale scolastico e per tutti gli studenti” e che la distribuzione avviene con cadenza settimanale o bisettimanale, in relazione al numero di alunni e di personale scolastico presenti in ciascuna istituzione scolastica.

Ciascuna istituzione scolastica riceve, dunque, il quantitativo necessario a garantire la copertura del fabbisogno giornaliero di ciascun alunno e di tutto il personale scolastico e le consegne saranno effettuate nella sede principale dell’istituzione scolastica in precise fasce orarie.

Alla luce di quanto disposto dal Ministero, il Sindaco dovrebbe chiarire all’interno del Centro Operativo Comunale il “Prontuario delle regole anti-Covid per le famiglie e gli alunni” predisposto dalla scuola secondaria di 1° Grado “Cotugno – Carducci – Giovanni XXIII” e sottoscritto dal dirigente scolastico Francesco Catalano che al punto 3 recita: “Tutti gli alunni della scuola devono essere dotati dalla famiglia di mascherina monouso oppure di altro tipo (ad es. lavabili), da usare all’ingresso, all’uscita, e negli spostamenti all’interno della scuola, quando non può essere garantita la distanza interpersonale di 1 metro e in altre occasioni segnalate dal personale scolastico”.

Bisogna considerare che far carico alle famiglie dell’acquisto delle mascherine chirurgiche, che sicuramente hanno un costo definito ma andranno fornite giornalmente agli alunni, costituisce un serio onere in un difficile momento economico.

Si chiede pertanto al Sindaco di chiarire prima della data del 28 settembre chi deve distribuire le mascherine agli alunni della Scuola Media».

Lascia il tuo commento
commenti