La nota

Non usavano le mascherine, 16 multe in città

​Lo comunica il Sindaco che invita a rispettare le norme di sicurezza antiCovid-19 per evitare di mettere in campo misure ulteriormente restrittive

Cronaca
Ruvo di Puglia giovedì 22 ottobre 2020
di La Redazione
Mascherina, dispositivo di protezione individuale
Mascherina, dispositivo di protezione individuale © n.c.

«Dopo una prima fase di sensibilizzazione, le Forze dell’ordine hanno ripreso con le sanzioni: da lunedì a oggi sono stati elevati 16 verbali per mancato uso delle mascherine. Abbiamo organizzato controlli ancora più stringenti in occasione del fine settimana».

Lo comunica il sindaco Pasquale Chieco dopo l'annuncio della presenza, in città, di 22 casi positivi al Covid-19.

«Il periodo è difficile - prosegue -, nessuno vuole tornare indietro ai giorni del lockdown. Per questo vi invito caldamente a rispettare le poche, semplici regole che possono aiutarci in questi mesi di convivenza con il virus: pulizia delle mani, distanza interpersonale e, soprattutto, l’uso continuo della mascherina.

Ancora una volta confido nel senso di responsabilità di ciascuno: se tutti faremo il nostro dovere non sarà necessario mettere in campo misure ulteriormente restrittive».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • prof. Mario Camelio De Benedittis ha scritto il 25 ottobre 2020 alle 10:03 :

    P.S.: Egr- sig. Reb, per chi non ha nulla da temere è buona educazione presentarsi con il priprio nome e cognome. Le comunoco che siccome non amo affato interloquire con i "fantasmi" e neppure fare il soliloquio, l'avverto che non risponderò mai più alle sue "provocazioni". Rispondi a prof. Mario Camelio De Benedittis

  • Prisco rosanna ha scritto il 23 ottobre 2020 alle 06:07 :

    Bene ....era ora Rispondi a Prisco rosanna

  • Prof. Mario De Benedittis ha scritto il 22 ottobre 2020 alle 13:44 :

    Tanti potrebbero essere i motivi del mancato rispetto delle regole. Multare il cittadino perchè non indossi la mascherina appare come atteggiamento "vessatorio ed arrogante" nei suoi confronti. E' sufficente, da parte di chi compete, far cenno al "trasgressore" di indossarla prima di tutto per cautelare se stesso da eventuali contagi. Il cittadino, rispettoso delle regole, farà tesoro di questo consiglio e saprà come comportarsi di conseguenza. Approfittare di questo evento straordinario "Covid 19" , che sta mettendo a dura prova la "pazienza" di noi tutti, per far cassa è tutt'altra storia. Rispondi a Prof. Mario De Benedittis

    Reb ha scritto il 23 ottobre 2020 alle 07:29 :

    Esimio Professore, immagino che Lei non sia Professore di diritto, altrimenti avrebbe ben presente che una legge è perfetta nel momento in cui contempla una sanzione per la sua violazione. E la sanzione dev'essere certa: Beccaria (seppur in ambito penale) parlava della "certezza della pena", senza la quale è vano ogni stato di diritto. "Far cenno al trasgressore di indossare la mascherina" equivale ad autorizzarlo all'eccezione. E di eccezione, egregio, al giorno d'oggi, si muore. Rispondi a Reb

    prof. Mario Camelio De Benedittis ha scritto il 30 ottobre 2020 alle 11:12 :

    Egregio signor "Reb", invece di perdere tempo ad impartire "lezioni di diritto" e che nessuno ne ravvisa la necessità, tenendo ben presente e che a a lei sfugge, il grave momento che i cittadini ruvesi e non vivono, le consiglio di dedicare il suo tempo ad attivarsi per risolvere i gravi problemi che affligono i cittadini ruvesi e che lei rappresenta. Il "grande" Pier Paolo Pasolini, anni fa, in un celebre articolo pubblicato sul quotidiano il "Corriere della Sera" scriveva: "Io so. Ma non ho le prove...". Aggiungo: Io so il suo nome ed il suo cognome. Ma non ho le prove. Rispondi a prof. Mario Camelio De Benedittis

    prof. Mario CAMELIO DE BENEDITTIS ha scritto il 25 ottobre 2020 alle 03:40 :

    Egregio signore, nel corso della propria esistenza è buona norma studiare per essere al passo con i tempi. Detto ciò, la sua "precisazione" è totalmente fuori luogo. Ho semplicemente "criticato" l'intrasigenza dei verbalizzanti, causa il mancato utilizzo delle mascherine, elevando multe salatissime, nei confronti dei cittadini trasgressori. Presumo, che in queste circostanze, un minimo di "tolleranza" s'addice. Signore, dopo la lettura della sarcastica battuta e lungi da qualsiasi atteggiamento tipico del "sapientone", Le comunico che ho servito, per oltre 37 anni, il nostro Stato, quale docente di discipline giuridiche ed economiche, dopo aver effettuato gli studi universitari c/o "Collegio Augustinianum" dell' Universtà Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Un saluto cordiale. Rispondi a prof. Mario CAMELIO DE BENEDITTIS

    Vincrnzogada ha scritto il 22 ottobre 2020 alle 19:27 :

    C chi non ne facesse tesoro? Rispondi a Vincrnzogada

  • biagio anselmi ha scritto il 22 ottobre 2020 alle 12:51 :

    ottimo, ma temo tardivo. se si fosse cominciato prima con lo stesso piglio, non solo nella nostra cittadina ma un pò dovunque, forse non saremmo di nuovo in questa situazione. Rispondi a biagio anselmi