Per non dimenticare: era il 27 gennaio 1945 quando le truppe dell'Armata Rossa, impegnate nella offensiva Vistola-Oder in direzione della Germania, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz

Giorno della Memoria 2021, incontri e azioni in programma a Ruvo di Puglia

​Il programma della ricorrenza sarà aperto la mattina dalla conferenza–spettacolo “Hitler nelle vite degli altri”, curata dall'associazione "Tra il dire e il fare – Teatro Comunale di Ruvo di Puglia"​

Cultura
Ruvo di Puglia venerdì 22 gennaio 2021
di La Redazione
L'ingresso del campo di Auschwitz-Birkenau
L'ingresso del campo di Auschwitz-Birkenau © n.c.

Le restrizioni legate alla pandemia non hanno scoraggiato l’Assessorato alla Cultura con delega alle Politiche Educative del Comune di Ruvo di Puglia che, se pure in modalità “da remoto”, coordinerà e promuoverà anche per il prossimo 27 gennaio 2021 un programma di azioni e iniziative per celebrare la “Giorno della Memoria”. 

In particolare, nel pomeriggio del 27, alle ore 18 sulla piattaforma StreamYard e in diretta streaming su YouTube e sul canale social Evoluzioni, l’Assessorato ha organizzato la presentazione del libro di Francesca Romana Recchia Luciani “Il racconto della Shoah per il XXI secolo. Testi, testimonianze, film” (Progedit Editore).

Il programma del Giorno della Memoria sarà aperto la mattina dalla conferenza–spettacolo “Hitler nelle vite degli altri”, curata dall'associazione "Tra il dire e il fare – Teatro Comunale di Ruvo di Puglia". 

Su piattaforma digitale potranno intervenire gruppi classe del liceo "O.Tedone", dell'Itet "P.A.M.Tannoia" e della scuola media "Cotugno-Carducci-Giovanni XXIII". 

Nel corso di tutto il giorno, inoltre, sulla pagina Facebook del Museo del Libro verranno proposti contenuti sul tema tratti da libri appena acquisiti al catalogo di biblioteca. 

Altre iniziative sono in via di definizione da parte delle scuole, della libreria e di altre associazioni culturali.

«La Giornata della Memoria - ha detto l’Assessora alla Cultura – è da sempre uno dei momenti in cui il dialogo tra scuole e territorio si fa più vivo, con le agenzie culturali che si prodigano per sottolineare ogni anno, di volta in volta in modo differente, il valore sempre attuale di questa giornata.

In questi anni abbiamo sempre preso spunto da questa ricorrenza per organizzare momenti di riflessione e di approfondimento storico sulla Shoah e più in generale sul contrasto a ogni tipo di discriminazione. L’anno scorso abbiamo organizzato una maratona di lettura che ha coinvolto centinaia di persone in tanti spazi pubblici della città, al chiuso e all’aperto, una dimensione che quest’anno ci manca molto e che non vediamo l’ora di poter tornare a vivere poiché è così che noi intendiamo i momenti culturali, ovvero anche come occasioni di socialità e di relazione.

Stiamo tuttavia imparando a proporre contenuti di qualità anche attraverso le possibilità che ci offre il digitale; a questo proposito tengo a ringraziare l'associazione "Tra il dire e il fare" che avrebbe dovuto portare in scena proprio in questi giorni un nuovo spettacolo dedicato proprio a questi temi e che ha accettato comunque di proporlo in streaming nella forma di conferenza–spettacolo. Grazie di cuore anche alla professoressa Recchia Luciani per l’entusiasmo con cui ha accolto il nostro invito a presentare il suo ultimo studio utilizzando questo contenitore digitale ruvese».

Lascia il tuo commento
commenti