Storia e solidarietà

"We the People", il nuovo evento inclusivo del Centro Studi Cultura et Memoria

​Si terrà sabato 25 settembre, alle 18, a Parco Summo e Parco di via Caduti di tutte le guerre. L'evento è organizzato in collaborazione con le associazioni Con.Te.Sto., Tamborey e con Radio Ruvo Web

Cultura
Ruvo di Puglia venerdì 24 settembre 2021
di La Redazione
Preparandosi per
Preparandosi per "We the People" © Con.te.sto Odv

“We…the people” è il nuovo evento del Centro studi “Cultura et Memoria” di Ruvo di Puglia che si terrà sabato 25 settembre. L’evento è organizzato in collaborazione con  le associazioni Con.Te.sto,Tamborey e con Radio Ruvo Web e intende celebrare la ricchezza spirituale che rende unica ogni persona.

La data per questo evento – il «quarto realizzato quest’anno, dopo il periodo di lockdown e restrizioni da pandemia Covid, con tenacia e spirito di adattamento » sottolinea la presidente Vincenza Tedone – ha un valore simbolico.

Era il 25 settembre 1789 quando il primo Congresso degli Stati Uniti adottava il Bill of Rights (Carta dei diritti), i primi dieci emendamenti alla Costituzione che proteggevano la libertà di espressione, la libertà religiosa, la proprietà, il giusto processo e la giusta punizione. E la stessa Costituzione, che fu promulgata il 4 marzo dello stesso anno, nel preambolo riporta “We the people”.

«Abbiamo pensato a questo titolo – spiega Tedone – per celebrare la felice mescolanza tra individualità e collettività, per celebrare “Noi, la gente”, con le nostre emozioni e i nostri sentimenti. E se negli ultimi due anni le mascherine hanno, per la maggior parte del tempo, coperto il nostro volto, durante l’evento i ragazzi di Con.te.sto “parleranno” con il corpo e il pubblico decifrerà il linguaggio secondo la propria sensibilità e il proprio vissuto» conclude, emozionata.

La Presidente del Centro Studi, poi, spiega come si articolerà la giornata: «Un piccolo corteo in abiti tardo-settecenteschi partirà alle 18 da Parco Summo, dove si trova la sede temporanea di Con.Te. Sto, e raggiungerà il Parco “Punto e virgola”, in via Caduti di tutte le guerre, che ben presto sarà riqualificato. Il corteo sarà accompagnato da Tamborey, un’associazione che si dedica alla formazione musicale inclusiva, coinvolgendo bimbi e ragazzi diversamente abili». 

Uno dei momenti più intensi sarà il reading di Bernardo Valente, detto Benny. Leggerà un pensiero di Leyla Dang, “Originale come me”, riadattato per l’occasione da Chiara, un membro attivo di Cultura et Memoria. «L’identità di ognuno di noi è molteplice – conclude Tedone -, perché è il risultato di quello che siamo, che proviamo, che scegliamo: definire una persona solo perché diversa da noi  è una forma di discriminazione che dobbiamo continuare a combattere. E noi siamo da sempre per l’inclusività che ci arricchisce».

L'evento si svolgerà nel rispetto della normativa antiCovid.

Lascia il tuo commento
commenti