L’iniziativa diocesana

Si inaugurano oggi i percorsi digitali attraverso l’arte sacra

Il progetto prevede l’installazione in 19 siti ecclesiastici di plance con QR Code che rimandano a un applicativo digitale. Fra questi Cattedrale, Sant’Angelo, San Domenico e Madonna delle Grazie

Cultura
Ruvo di Puglia sabato 30 giugno 2018
di La Redazione
Tesori d’arte sacra. Percorsi digitali
Tesori d’arte sacra. Percorsi digitali © FeArT Società Cooperativa

Ormai da diversi anni l’apertura straordinaria di luoghi e monumenti storici arricchisce le serate dei turisti e dei cittadini pugliesi che, passeggiando nei diversi paesi, possono fruire di opere di straordinaria bellezza. Da quest’estate, inoltre, si potrà beneficiare di un valido supporto alla visita grazie al progetto “Tesori d’arte sacra. Percorsi digitali”, promosso dalla Diocesi di Molfetta con il coordinamento della Conferenza Episcopale Pugliese e sostenuto dalla Regione Puglia, presentato in conferenza stampa lo scorso 22 giugno. Presenti il vescovo monsignor Domenico Cornacchia e l’assessore alla Cultura di Ruvo Monica Filograno.

Il progetto, che prevede l’installazione in 19 siti ecclesiastici di plance con QR Code che rimandano a un applicativo digitale per attivare un tour virtuale in ciascun bene, sarà inaugurato ufficialmente oggi. Per l’occasione, anche nella nostra città saranno visitabili, grazie a un’apertura straordinaria coordinata sino alle 22, la Cattedrale, le chiese di San Michele Arcangelo e di San Domenico e il santuario della Madonna delle Grazie.

Ogni visitatore, nella serata, potrà costruirsi autonomamente un tour all’interno della chiesa e scoprire storia, arte, riti e tradizioni che rendono unico il ricco patrimonio diocesano. Tre i percorsi tematici che collegano e creano nessi tra luoghi di culto di città diverse: cattedrali romaniche, committenze illuminate e grandi artisti, tradizione e devozione popolare.

Le nostre chiese, per volere del Vescovo e grazie alla disponibilità di parroci e rettori, diventano sempre più luoghi da custodire, conoscere e valorizzare, senza mai perdere di vista l’obiettivo di evangelizzare, anche attraverso l’arte.

Lascia il tuo commento
commenti