La nota

Covid, Lega Salvini-Ruvo: «Amministrazione silente dinanzi al dilagare inarrestabile dei contagi»

Il Coordinamento cittadino chiede più sorveglianza, divieti di stazionamento, chiusura di tutti i distributori automatici e dei luoghi pubblici; sospensione del pagamento dei parcheggi; sanificazione delle vie

Politica
Ruvo di Puglia giovedì 08 aprile 2021
di La Redazione
Drive through in via dei Floricoltori
Drive through in via dei Floricoltori © Vincenzo Aruanno

La sezione ruvese della Lega Salvini Premier in una nota invita l'Amministrazione comunale ad adottare azioni più incisive per contenere la diffusione del coronavirus che, in questo periodo, sta manifestando la propria virulenza.

«Il silenzio assordante dell'Amministrazione comunale - scrivono dal Coordinamento cittadino -  non è più tollerabile di fronte al dilagare inarrestabile dei contagi tra la popolazione ruvese, nonostante le ultime restrizioni da zona rossa rinforzata.

Tangibili e inarrestabili sono ormai le chiusure per quarantena degli esercizi commerciali, i sempre più frequenti decessi dei nostri concittadini più fragili e, non ultima, la rabbia di chi attende iniziative da parte dell'Amministrazione locale al fine di regolamentare una ripresa sicura e attiva della vita del paese.

Ma la risposta istituzionale a questo grido comunitario è unicamente caratterizzata da una gestione colma di superficialità, approssimazione o paradossalmente impegnata in iniziative assolutamente stridenti e non consone al momento di estrema emergenza.

La lentezza nella campagna vaccinale non è certamente di aiuto, per questo vogliamo fermamente sensibilizzare l'attuale Amministrazione a provvedere quanto prima ad adottare immediate misure di contenimento che prevedano maggiore sorveglianza, chiusura di parchi, villette e giardini comunali, divieti di stazionamento su panchine e sedute pubbliche, chiusura di tutti i distributori automatici, nei quali si verificano frequenti assembramenti incontrollati.

Chiediamo a gran voce di sospendere i parcheggi a pagamento per evitare un ulteriore aggravio di costi in questo periodo emergenziale. Chiediamo una urgente ed efficace disinfestazione e sanificazione dell'intero paese, ormai soffocato dalla sporcizia e dall'incuria da mesi.

Tutte queste misure sono già adottate dai paesi limitrofi e stanno già dimostrando la loro efficacia. Abbiamo tutti un nemico comune, il Covid-19, e solo un grande senso di responsabilità, innanzitutto dalle istituzioni ruvesi, può farci vincere questa battaglia in sicurezza e ridarci la speranza di tornare a vivere».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Rosanna Prisco ha scritto il 08 aprile 2021 alle 19:30 :

    E di che ci stupiamo ...la mattina si va in villa ,il pomeriggio i ragazzi transitano nei pressi delle scuole a giocare è a fare altro,nei negozi nn tutti nn si rispettano distanziamento ecc... è poi la colpa di chi è? Delle scuole Rispondi a Rosanna Prisco

  • Franco ha scritto il 08 aprile 2021 alle 10:52 :

    Gli è sfuggito probabilmente lo studio pubblicato ieri: 1 caso su 1.000 risulta contagiato all'aperto. Rispondi a Franco

  • Annarita ha scritto il 08 aprile 2021 alle 09:40 :

    Perché da soli non riusciamo a essere responsabili... si è vero mancano i controlli! questo si evince da quello che sta succedendo nel nostro paese, dove i numeri salgono ogni giorno di più... ragazzi sfrontati che girano per il paese guardando con strafottenza questo virus che continua a mietere vittime a noi vicine... negozi dove mio malgrado non vengono rispettate le norme basilari di distanziamento sociale...e poi quando i controlli vengon fatti il nostro paese sale alla ribalta della cronaca... .. non sappiamo gestirci... è questa la verità.. perchè saremo in grado di trovare l'escamotage a ogni situazione ,colpevolizzando tutti tranne NOI ! Rispondi a Annarita

    Tony ha scritto il 09 aprile 2021 alle 11:30 :

    Hai inquadrato perfettamente il problema. A più di un anno dall'inizio della pandemia, la gente non ha ancira capito come comportarsi in pubblico. Le forze dell'ordine? ....forse. Se serve, siamo anche in grado di fornire un elenco dettagliato sui punti affollati e nascosti - per chi dovrebbe controllare, di ritrovo di questi "ignari" bravi ragazzi, che, non seguendo alcuna regola di sicurezza, mettono a rischio gli altri invece. Rispondi a Tony

    Maria P. ha scritto il 08 aprile 2021 alle 19:43 :

    Ah la colpa dunque è nostra che non sappiamo "gestirci"? E non di quelli che non riescono a gestire l'arrivo dei vaccini? Ma che fai propaganda pro Emiliano? Dobbiamo colpevolizzarci per permettere ai veri colpevoli di autoassolversi? Rispondi a Maria P.

    Rosanna Prisco ha scritto il 08 aprile 2021 alle 19:27 :

    Esatto Rispondi a Rosanna Prisco

  • Annarita ha scritto il 08 aprile 2021 alle 09:33 :

    Buongiorno a tutti, a prescindere dai gruppi politici ( discutibili tutti senza differenza di genere) credo da comune cittadina Ruvese che la situazione è realmente fuori controllo...ormai tutti abbiamo perso il senso civico, tutti indistintamente siamo responsabili di questo degrado, da chi " esce per far la spesa 3 volte al giorno, a chi si crede agonista dell'ultimo minuto, a chi porta i propri piccoli, incurante di quello che sta succedendo intorno a noi nei parchi del nostro paese, creando purtroppo assembramenti, anche io sono mamma di 2 piccoli, che ormai da tempo urlano alla libertà tolta... chi è senza peccato scagli la prima pietra, siamo tutti cittadini responsabili delle nostre azioni?! NO! NO! NO! ASSOLUTAMENTE NO! Abbiamo bisogno di cani da guardia... Rispondi a Annarita

  • Giovanni Pastore ha scritto il 08 aprile 2021 alle 07:19 :

    Ma questo non e' quel gruppo pseudo-politico che un anno fa e prima che entrasse nel governo diceva "Riaprite tutto"? Interessante caso di estrema coerenza. Rispondi a Giovanni Pastore

    andyba ha scritto il 08 aprile 2021 alle 18:13 :

    Veramente il capitone verde, non fa altro che sbraitare di riaperture anche adesso... Rispondi a andyba