In sessione straordinaria

Ecco il Primo Consiglio comunale dell'Amministrazione Chieco-bis

​Ieri, nell'Auditorium del plesso "Giovanni XXIII". Nominato presidente del Consiglio il consigliere Michele Scardigno; vicepresidente è la consigliera Mariatiziana Rutigliani

Politica
Ruvo di Puglia mercoledì 24 novembre 2021
di Veronique Fracchiolla
Il primo Consiglio comunale Chieco Bis
Il primo Consiglio comunale Chieco Bis © RuvoLive.it

È stato l’Auditorium del plesso Giovanni XXIII della scuola "Cotugno-Carducci-Giovanni XXIII", ieri pomeriggio, ad accogliere, in sessione straordinaria e seduta pubblica, il primo Consiglio comunale dell’Amministrazione Chieco-bis. Le sedie monoposto antiCovid sono state gli scanni su cui si sono seduti i 16 consiglieri eletti alle scorse Amministrative di ottobre.

A presiedere la seduta, convocata e tenutasi nei termini prescritti dalla legge, Michele Scardigno (Pd) in qualità di consigliere più anziano. La segretaria comunale, Antonella Tampoia, spiega come, a seguito della nomina alla carica di Assessori della candidata eletta Luciana Di Bisceglie (Pd), del candidato non eletto Domenico Savio Curci (Pd), del candidato eletto Antonio Mazzone (Sinistra Ruvese) siano subentrati, in surroga alla carica di consiglieri, i primi non eletti Lia Caldarola (Sinistra Ruvese) e Giovanni Turturro (Pd). Tutti i consiglieri, inoltre, previo controllo dell’Ufficio centrale, possiedono i requisiti di candidabilità, eleggibilità e compatibilità. Si procede, quindi, all’adozione, mediante votazione, della delibera di convalida di tutti gli eletti (punto 1 odg). Questa è approvata e diventa immediatamente eseguibile all’unanimità dei presenti (è assente giustificato il consigliere Piero Paparella). Ecco, quindi, la composizione definitiva del Consiglio comunale: alla maggioranza Lia Caldarola, Giuliano Chiarulli (Sinistra ruvese); Emanuela Caifasso, Giovanni Turturro, Mario Paparella, Angela Bruni, Michele Scardigno (Partito democratico); Giovanni Mazzone (Popolari con Emiliano); Monica Montaruli, Giuseppe Caldarola (Con Ninni Chieco Sindaco). All’opposizione Biagio Mastrorilli (già candidato sindaco con Europa Verde; Lista Biagio Mastrorilli sindaco); Vito Cantatore, Luciano Lorusso, già candidato sindaco per il Centrodestra; Piero Paparella e Simona Summo (Fratelli d’Italia); Mariatiziana Rutigliani (Forza Italia).

Si deve procedere alla elezione del Presidente del Consiglio (punto 2). La consigliera Caldarola propone che sia il consigliere Scardigno a proseguire in questo ruolo, svolto nel quinquennio precedente con «doti di equilibrio e calma», utili nel dialogo e nella composizione dei conflitti. Propone, pertanto, all’opposizione di suggerire il nome di un consigliere alla carica di Vicepresidente del Consiglio. La votazione del Presidente del Consiglio è a scrutinio segreto: sono designati consiglieri scrutatori Simona Summo e Giovanni Mazzone. Perché l’elezione sia valida sono necessari i voti di 2/3 dei componenti il Consiglio (17, ossia i Consiglieri più il Sindaco). Fumata nera per la prima votazione con 10 voti per Scardigno; 1 per Biagio Mastrorilli; 1 per Mazzone; 3 bianche. Si procede alla seconda votazione: Scardigno ottiene 11 voti; 1 Mazzone; 1 Mastrorilli, 3 schede bianche. Michele Scardigno è eletto presidente del Consiglio. Il consigliere Mastrorilli suggerisce, tuttavia, al Presidente di aggiornare lo Statuto comunale e il Regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale, entrambi obsoleti e con evidenti discrasie (si fa riferimento alla presenza di 20 consiglieri comunali). Un invito che Scardigno accoglie graziosamente, auspicando una collaborazione con lo stesso Mastrorilli col quale concorda sulla necessità di aggiornare. Scardigno, inoltre, ringrazia il Consiglio per la fiducia in lui riposta; saluta l’intera comunità e gli elettori per aver consentito loro di continuare a lavorare per il bene della comunità; saluti i Consiglieri e il Sindaco; i Consiglieri di opposizione con cui si lavorerà per il bene della comunità nel rispetto dei propri ruoli. Saluta Forze dell’ordine, Autorità civili e religiose con cui saranno sempre disponibili al confronto.

Si passa alla elezione del Vicepresidente del Consiglio (punto 3).  La consigliera Summo suggerisce che sia la consigliera Rutigliani a ricoprire questo ruolo, già assunto nel corso degli ultimi cinque anni. Il quorum valido è sempre dato dai 2/3 dei componenti il Consiglio. Fumata nera per la prima votazione: 2 voti per Rutigliani; 1 per Piero Paparella; 1 per Biagio Mastrorilli; 12 schede bianche. Fumata nera anche per la seconda votazione; 2 per Rutigliani; 1 per Giuliano Chiarulli; 2 per Mastrorilli; 12 schede bianche. Si passa alla terza votazione dove per l’elezione è sufficiente la maggioranza assoluta: ma anche in questo caso fumata nera perché Rutigliani ha 3 voti, 1 solo voto Mastrorilli e ci sono 12 schede bianche. La quarta votazione prevede il ballottaggio tra i due più suffragati e questa volta la fumata è bianca: Mariatiziana ha 4 voti, Mastrorilli 1; 11 schede bianche. Mariatiziana Rutigliani è eletta vicepresidente del Consiglio comunale. La delibera è immediatamente eseguibile all’unanimità.

Dopo aver ricevuto la fascia tricolore dalla direttrice d’Area Angela Maria Fusaro, il sindaco Pasquale Chieco fa il giuramento di fedeltà alla Costituzione italiana, impegnandosi a garantire gli interessi della comunità (4 punto odg). Si passa, poi, alla presa d’atto della formazione dei gruppi consiliari e dei relativi capigruppo (punto 5 odg). La consigliera Caldarola indica come capogruppo di Sinistra Ruvese il consigliere Chiarulli; il consigliere Giovanni Mazzone indica sé stesso capogruppo dei Popolari con Emiliano di cui è l’unico rappresentante; la consigliera Monica Montaruli indica come capogruppo della lista Con Ninni Chieco Sindaco il consigliere Giuseppe Caldarola; il consigliere Giovanni Turturro indica come capogruppo del Partito democratico il consigliere Mario Paparella. All’opposizione la consigliera Simona Summo indica come capogruppo di Fratelli d’Italia il consigliere Piero Paparella; il consigliere Biagio Mastrorilli indica come capogruppo delle liste che rappresenta (Europa Verde, Biagio Mastrorilli Sindaco) sé stesso; la consigliera Mariatiziana Rutigliani indica sé stessa come capogruppo di Forza Italia; il consigliere Vito Cantatore indica sé stesso come capogruppo della lista Lorusso Sindaco e Un’Altra IDeA per Ruvo.

È il sindaco Pasquale Chieco che procede alla presa d’atto della nomina dei componenti la Giunta comunale, composta dagli assessori Nico Curci; Luciana Di Bisceglie; Antonio Mazzone; Monica Filograno; Mariantonietta Curci. La carica di vicesindaca è stata conferita all’assessora Filograno (punto 6 odg). La consigliera Rutigliani porge gli auguri alla nuova Giunta: si dichiara felice di far parte della Consiliatura. Lei si impegnerà, come fatto da sempre, a fare un’opposizione costruttiva, onorando l’eredità pesante dei suoi ex colleghi Antonello Paparella e Orazio Saulle (Forza Italia) da cui ha appreso la correttezza, della capacità collaborazione, valori importanti soprattutto in ambito politico. Lei si farà portavoce di tutte le istanze che garantiscano il meglio alla città.  Le fa eco il consigliere Mario Paparella che augura buon lavoro a tutti, ringraziando i consiglieri del Pd e chi li ha sostenuti. Per lui, tuttavia, la parola chiave che dovrebbe caratterizzare i prossimi cinque anni è “confronto” con tutti, soprattutto coi cittadini perché siano veramente protagonisti della crescita della comunità. Bisogna agire per il bene comune, sottolinea Paparella, e soprattutto dei più bisognosi.  Si procede alla elezione dei tre componenti, ordinari e supplenti, della Commissione elettorale (punto 7 odg). Due dovranno essere di maggioranza, uno dell’opposizione. Sono eletti, a scrutinio segreto, come componenti ordinari i consiglieri Luciano Lorusso (Lorusso Sindaco) 5 voti; Mario Paparella (Pd) con 5 voti; Giovanni Mazzone (Popolari con Emiliano) con 5 voti. Supplenti sono eletti i consiglieri Emanuela Caifasso e Giovanni Turturro del Pd con 5 voti ciascuno; Biagio Mastrorilli con 3 voti, 2 schede bianche. La delibera diventa immediatamente eseguibile all’unanimità. L’ultimo punto riguarda l’approvazione del verbale della seduta di Consiglio comunale del 28 settembre 2021 (punto 8 odg). Il verbale è approvato dal sindaco Chieco e all’unanimità dei Consiglieri presenti facenti parte della scorsa Consiliatura: Lia Caldarola; Angela Bruni; Mario Paparella; Giovanni Turturro; Michele Scardigno; Giovanni Mazzone. Si astengono i consiglieri Monica Montaruli, Giuliano Chiarulli, Giuseppe Caldarola; Simona Summo, Vito Cantatore, Biagio Mastrorilli, Luciano Lorusso, Emanuela Caifasso. Il Consiglio comunale si scioglie alle 19.24.

Lascia il tuo commento
commenti