Vivo a Ruvo

Duc, l’idea del Sindaco: riaprire i locali del centro storico nel periodo natalizio

Saranno interessate via Vittorio Veneto e via De Gasperi. Chieco: «È un esperimento che siamo certi potrà darci indicazioni importanti, aiutandoci a capire quello che funziona e quello che serve»

Politica
Ruvo di Puglia giovedì 11 ottobre 2018
di La Redazione
L'incontro di ieri nella Casa del Duc
L'incontro di ieri nella Casa del Duc © Facebook

Un’azione pilota per il riuso temporaneo dei locali chiusi del centro storico cittadino; è questa la proposta che il sindaco Pasquale Chieco, nella sua veste di presidente dell’associazione del Duc di Ruvo di Puglia ha formulato ieri, in un incontro pubblico, ai proprietari di edifici del borgo antico attualmente non utilizzati.

L’idea è quella di ridare vita a via Alcide De Gasperi e via Vittorio Veneto nel periodo natalizio, in concomitanza con Luci e suoni d’artista. L’associazione “Vivo a Ruvo” si farà carico di tutti i costi vivi dell’apertura, utenze comprese. Nei prossimi giorni sarà pubblicato un avviso rivolto a chiunque abbia voglia di proporre attività commerciali, ma anche culturali e sociali, purché originali e innovative, da realizzare negli spazi messi a disposizione.

«È un esperimento – ha detto il Sindaco - che siamo certi potrà darci indicazioni importanti per le azioni che dovremo mettere in campo, aiutandoci a capire quello che funziona e quello che serve. L’idea è quella di fare del nostro centro storico il luogo del rilancio non solo delle attività economiche, ma anche della vita sociale e culturale cittadina. Ringrazio i proprietari dei locali per la disponibilità di massima che ci hanno accordato e ringrazio fin d’ora chi vorrà riempire questi contenitori con contenuti attraenti e originali; solo con il contributo di tutti potremo vincere questa sfida collettiva».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Cialdella Paola ha scritto il 16 ottobre 2018 alle 16:54 :

    Buonasera, sarei interessata a questa bella iniziativa,ne vorrei sapere di più. Dove posso rivolgermi? Grazie Rispondi a Cialdella Paola