Agricoltori in difficoltà

Mancato stato di calamità per la gelata 2018, botta e risposta Ministro-Regione

Centinaio: «Il ministero è intervenuto in "sanatoria" poiché per effettuare la declaratoria occorreva la delibera della Regione». Di Gioia: «Abbiamo chiesto la deroga agli articoli di legge che impedivano l’accesso ai benefici»

Politica
Ruvo di Puglia venerdì 04 gennaio 2019
di La Redazione
Decaro, Di Gioia, Centinaio e Emiliano
Decaro, Di Gioia, Centinaio e Emiliano © n.c.

«Protestare contro il Mipaaft in merito alla questione delle gelate in Puglia dell'inverno scorso dimostra poca attenzione e conoscenza dei fatti nonché un infondato pregiudizio, noi stiamo intervenendo per sanare errori di altri». È quanto ha affermato all'Ansa il Ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio.

«L'agricoltura pugliese e la tutela del reddito degli agricoltori sono tra le nostre priorità», chiarisce Centinaio, nel precisare che il Ministero «è intervenuto in "sanatoria" poiché per effettuare la declaratoria sulla legge 102 occorreva la delibera della Regione Puglia di delimitazione del territori colpiti da avversità entro 60 giorni dal manifestarsi dell'evento, più eventuali 30 giorni in caso di straordinarietà; cosa che non ha effettuato nei termini, perciò stiamo intervenendo per sanare errori di altri.

Abbiamo presentato un emendamento da inserire nel decreto Morandi, ma è stato l'unico a essere tolto; è stato poi dichiarato inammissibile per materia nella legge di stabilità e nella finanziaria; in tutti i decreti legge Dignità, Proroga termini e Semplificazioni, abbiamo inserito la norma nella fase di predisposizione dell'articolato ed emendativa di conversione in legge ma è stata sempre considerata priva dei requisiti di necessità e urgenza. Era, infine, entrato in ultima bozza del decreto dignità ma è stata tolta anche in questo caso».

Centinaio infine assicura: «Inseriremo la norma in tutti i provvedimenti perché siamo al corrente della situazione».

La replica della Regione

«La mancata declaratoria dello stato di calamità per le gelate di febbraio e marzo 2018 non è responsabilità della Regione Puglia. Spiace che il ministro Centinaio abbia scelto la via della polemica per giustificare a migliaia di olivicoltori pugliesi l’impossibilità di emanare il decreto di declaratoria dello stato di calamità ai sensi della legge 102 del 2004».

Così l’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia Leonardo di Gioia, rispondendo alle dichiarazioni del ministro Centinaio. «In verità la Regione, con le delibere di luglio e settembre - sottolinea l’assessore -, ha chiesto la deroga agli articoli di legge che impedivano l’accesso ai benefici per le colture previste nel Piano assicurativo, tra cui l’olivicoltura, attuando una modalità già ampiamente usata negli anni. Quella delle deroghe, infatti, è prassi in presenza di eventi la cui portata è tale da essere quasi catastrofica. Una modalità attuata dal Ministero e recepita anche dal Parlamento in una casistica culminata, per esempio, con provvedimenti concessi nel 2017 per terremoto e gelate. Tutto questo oggi sembra irrealizzabile. Si adducono problemi legislativi che mai avevano avuto dignità o problemi procedimentali ampiamente superati negli scorsi anni.

Ringrazio i parlamentari di maggioranza e minoranza per aver proposto univoci emendamenti da cui si evince chiaramente che la necessità è quella di derogare al piano assicurativo nazionale e di aver con ciò essi stessi chiarito che non esiste alcun problema di ritardi da sanare.

Ora sarebbe necessario continuare uno sforzo corale - prosegue - per trovare l’idoneo provvedimento in grado di accogliere questa soluzione legislativa per rendere giustizia a un comparto vitale della Puglia che chiede solo di essere trattato alla pari di altri in un momento in cui, agli eventi negativi della Xylella, si sommano quelli devastanti dei cambiamenti climatici. Niente di trascendentale. Al ministro Centinaio - conclude di Gioia - chiedo di continuare a essere quel pugliese di adozione che abbiamo apprezzato sin dall’inizio del suo mandato e che con noi ha visitato i campi del Salento, promettendo soldi e regole nuove per fare quello che fino a oggi nessuno era stato in grado di fare. Ovvero arginare una batteriosi incurabile per la scienza e per la tecnica agronomica. Ci sarà tempo e luogo per accertare le responsabilità. Ora risolviamo i problemi. Con onore e lealtà in nome di una condivisa idea: prima l’agricoltura e gli agricoltori, poi le polemiche».

Lascia il tuo commento
commenti