Il governatore Michele Emiliano ha incontrato Giuseppe Conte, presidente del Consiglio dei Ministri, lo scorso 31 luglio

Anche in Puglia il vincolo della doppia preferenza di genere: adottato il decreto-legge

​Il Governo ha nominato un commissario straordinario avente la funzione di provvedere agli adempimenti strettamente conseguenti per l'attuazione del decreto: è il prefetto di Bari, Antonia Bellomo

Politica
Ruvo di Puglia domenica 02 agosto 2020
di La Redazione
Conte ed Emiliano
Conte ed Emiliano © n.c.

«Dopo cinque anni di tentativi di convincere il Consiglio Regionale della Puglia, assolutamente sovrano in materia, ad approvare la Doppia preferenza di genere nella legge elettorale pugliese per adeguare la nostra regione al resto d'Italia, oggi il nostro impegno programmatico si è realizzato grazie al Governo della Repubblica. Davanti al Consiglio dei Ministri che mi ha convocato allo scopo, ho potuto finalmente esprimere il mio pieno consenso all’introduzione della doppia preferenza di genere nella legislazione pugliese.

Ringrazio tutte le forze politiche di maggioranza e di opposizione che hanno espresso favore nei confronti del provvedimento che il Governo ha approvato.

Non c'era più tempo purtroppo per riconvocare il Consiglio Regionale, ma nella sostanza il provvedimento del Governo riassume le posizioni di tutti ed equipara la legge pugliese a quella delle altre regioni e dei comuni. La cosa più importante è aver raggiunto l'obiettivo che ci eravamo prefissi».

Lo ha dichiarato il governatore della Regione Puglia Michele Emiliano da Palazzo Chigi, dove ha partecipato, lo scorso 31 luglio, alla seduta del Consiglio dei Ministri nella quale è stata approvata la norma che introduce la doppia preferenza di genere anche in Puglia.

Il Governo ha nominato un commissario straordinario avente la funzione di provvedere agli adempimenti strettamente conseguenti per l'attuazione del decreto sulla doppia preferenza di genere nelle Regionali in Puglia. Per il ruolo di commissario è stato individuato il prefetto di Bari, Antonia Bellomo.

Lascia il tuo commento
commenti