Nota dal "Comitato del No"

Referendum taglio dei parlamentari, le ragioni del "no" in piazza Dante

​Questa sera, alle 20.15. A parlarne sarà Marina Calamo Specchia, docente di diritto costituzionale comparato all'Università di Bari

Politica
Ruvo di Puglia giovedì 10 settembre 2020
di La Redazione
Parlamento italiano
Parlamento italiano © n.c.

Domenica 20 e 21 settembre si voterà anche per il referendum costituzionale confermativo, indetto per approvare o respingere la legge di revisione costituzionale dal titolo "Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari".

Questa sera, alle 20.15, in piazza Dante il "Comitato del No" illustrerà le ragioni del dissenso al taglio dei parlamentari con Marina Calamo Specchia, docente di Diritto costituzionale comparato all'Università di Bari.

«Perché la democrazia è un bene supremo - scrivono dal Comitato - : risparmiare su questa non è solo sbagliato, ma ridicolo, visto che il risparmio sarebbe dello 0,007% del bilancio statale ovvero 1,35 euro per cittadino: un caffè all’anno.

Perché la cattiva politica ha altre cause: non nel numero dei parlamentari, ma per come sono eletti, su leggi elettorali incostituzionali, viziate dalla logica maggioritaria che mortifica la rappresentanza della effettiva volontà politica, che impediscono ai cittadini di scegliere i candidati che diventano dei nominati dalle segreterie dei partiti.

Perché vogliamo difendere la democrazia e la Costituzione: Il taglio dei parlamentari è infatti un tassello di un disegno più complesso, che prevede una nuova legge elettorale, senza scelta dei candidati e con una elevata soglia di accesso che impedirebbe a milioni di Cittadini di essere rappresentati in Parlamento, così come molti territori.

Il No può fermare questo disegno, bloccando il suo primo passo: quello di ridurre il Parlamento da cardine della democrazia a strumento in mano ai potentati che fanno e disfano i governi, cioè ai maestri della cattiva politica».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Rosanna Prisco ha scritto il 10 settembre 2020 alle 17:33 :

    E quando si tratta di noi cittadini la democrazia dove sta Rispondi a Rosanna Prisco

  • biagio anselmi ha scritto il 10 settembre 2020 alle 11:39 :

    guarda, potranno esporre milioni di ragioni.ma nulla potrà impedire agli italiani di cambiare un Parlamento tra i più ridicoli , inefficaci, litigiosi, cangianti, del mondo ... Rispondi a biagio anselmi