La curiosità

Dopo lo sdoganamento del “trimon”, arriva l’elogio del “chitevviv”

​«Sarebbe "te e chi ti è vivo", versione in positivo di "chi t'è muort"», hanno cercato di spiegare agli ascoltatori venerdì mattina​ Linus e Nicola Savino durante Deejay chiama Italia

Ruvo di Puglia lunedì 15 ottobre 2018
di Elena Albanese
Nick Prudente abbraccia il presidente Emiliano
Nick Prudente abbraccia il presidente Emiliano © Instagram

La visita del governatore Michele Emiliano negli Usa ha dato innumerevoli spunti per narrare il pugliese all’estero, i suoi vizi e le sue virtù, con cui - ammettiamolo - ci piace tanto trastullarci.

Si tratti dell’emigrante che non sa trattenere l’emozione di incontrare un conterraneo o del Presidente della Regione che si lancia in improbabili elogi di “very good food” e “wonderful sea”, ci crea sempre quel confuso mix di sensazioni a cavallo tra l’imbarazzo e la commozione pura.

E se fra le eccellenze Made in Puglia abbiamo sfoggiato oltreoceano la focaccia, il pane di Altamura e la pizzica salentina - addirittura portata in corteo durante la tradizionale parata del Columbus day -, la vera tipicità nostrana che tutti hanno ammirato è stata quella di Nicola (Nick) Prudente, giovinazzese di New York (o newyorkese di Giovinazzo).

Muratore e piastrellista, negli States dagli anni '80, il signor Prudente è l’emblema stesso del meridionale all’estero. La sua (bellissima) storia l’ha raccontata ai microfoni di GiovinazzoLive.it poco meno di due mesi fa. Sorridente e gioviale, concreto e coraggioso. Integrato ma nostalgico, tanto da aver tappezzato la sua casa di foto della città natía e aver messo su una squadra di calcio dedicata ai Santi Medici Cosma e Damiano.

Insomma, uno di quelli che un conterraneo, se non può invitarlo a pranzo, come minimo lo saluta con un abbraccio vigoroso, una pacca sulla spalla e un affettuoso “chitevviv”, incorniciato da una serie di altre tipiche locuzioni rigorosamente in vernacolo. Anche se si tratta del Presidente della Regione e la scena si svolge sulla Fifth avenue e in diretta Facebook. Tant’è che l’esilarante siparietto è inevitabilmente finito sui media locali e nazionali.

Non si sono fatti sfuggire l’occasione di parlare della colorita espressione dialettale anche Linus e Nicola Savino durante la puntata di venerdì scorso del programma Deejay chiama Italia. I due, tempo fa, avevano già dedicato ampio spazio all’etimologia di un altro termine tipicamente barese: trimon.

«Sarebbe "te e chi ti è vivo", versione in positivo di "chi t'è muort"», hanno cercato di spiegare agli ascoltatori di tutta Italia, ripetendo la frase con discutibile accento, spunto per lanciarsi poi in un un elogio della Puglia e - soprattutto - del suo cibo. Con doverosa citazione del panificio Fiore di Bari, «dove abbiamo mangiato una delle focacce migliori», conferma il collaboratore della trasmissione Matteo Curti, fidanzato - manco a dirlo - con una ragazza pugliese.

Lascia il tuo commento
commenti