Natura e turismo

​In viaggio tra le meraviglie della Puglia, la missione delle Guide ambientali

Trekking, cicloturismo, snorkeling, escursioni a cavallo. Giuseppe Flore coordinatore regionale Aigae: «Un fenomeno mondiale, sta crescendo anche nella nostra regione»

Ruvo di Puglia martedì 06 novembre 2018
di Nicola Palmiotto
Ciclotrekking con le guide Aigae
Ciclotrekking con le guide Aigae © Nc

Un turismo diverso si può. Chiedere per conferma alle Guide ambientali escursionistiche che in Puglia, come nel resto d’Italia, promuovono un turismo “nuovo” fondato su ecologia e cultura. Alcuni esempi? Trekking, ciclotrekking, snorkeling, escursioni a cavallo o con gli asini, immersioni subaquee e ciaspolate. Si tratta di un fenomeno che sta crescendo rapidamente anche nella nostra regione. «In Puglia i soci Aigae (Associazione italiana guide ambientali e escursionistiche) sono 72, ma cresciamo anno dopo anno», sostiene Giuseppe Flore, coordinatore regionale dell’associazione e socio Aigae dal 2008.

Flore, cos’è l'Aigae e quali sono le differenze con le guide turistiche regionali?

«L’Aigae è l'associazione di categoria per le guide ambientali escursionistiche più importante e con il maggior numero di soci in Italia, l'unica rientrante negli elenchi del Ministero dello Sviluppo Economico. Le guide turistiche regionali lavorano nell'ambito dei beni culturali e storico architettonici, mentre le guide ambientali escursionistiche accompagnano in sicurezza, a piedi o con altro mezzo di locomozione non a motore, persone singole o gruppi in ambienti naturali, anche innevati, assicurando anche la necessaria assistenza tecnica e svolgendo attività di didattica, educazione, interpretazione e divulgazione ambientale ed educazione alla sostenibilità»

Qual è l’utenza in Puglia e qual è la tendenza nel corso degli anni?

«L’utenza turistica, direi meglio ecoturistica, sta crescendo tanto negli ultimi anni. È un fenomeno mondiale, ma che in Puglia si sta notando in maniera maggiore, considerato il grande afflusso di turisti provenienti da tutto il mondo che sta caratterizzando la nostra regione. Non esistono dei target specifici di utenza in quanto le attività tipiche delle guide ambientali escursionistiche sono molto variegate e accontentano qualsiasi tipologia di turista, dai singoli ai gruppi organizzati, dalle scuole ai gruppi di stranieri di varie età».

In genere i turisti come si mettono in contatto con voi?

«Sul sito www.aigae.org esiste una pagina che si chiama Cercaguide sul quale è possibile effettuare una ricerca in base a vari parametri sia geografici sia collegati alle tipologie di attività. Inoltre, esiste un portale che si chiama italiaguide.org dove ogni socio Aigae può inserire e pubblicizzare le proprie escursioni».

Quali sono gli itinerari che offre la Puglia?

«I percorsi in Puglia sono tanti e diversi tra loro, dalle pianure alle colline, dal mare ai monti, le attività sono estremamente diversificate e sono attuabili in tutte le stagioni dell'anno. Quello che è certo è che la Puglia, grazie alla sua infinita varietà di ambienti e meraviglie naturalistiche, permette di offrire un ventaglio amplissimo di attività escursionistiche».

I turisti invece quali percorsi preferiscono?

«Certamente le attività a piedi (escursioni, trekking, hiking, walking) sono quelle più richieste. Negli ultimi anni c'è un notevole incremento di richiesta per le attività svolte in bicicletta, dai piccoli bike-tour nelle aree protette fino ai viaggi interamente svolti in sella alla bici».

Chi può partecipare alle vostre escursioni? È necessaria una preparazione particolare o sono previsti percorsi con diversa difficoltà?

«Le escursioni possono presentare difficoltà e necessità molto diverse tra loro, ma per la maggior parte di esse non è necessaria alcuna preparazione fisica particolare. In generale però, è sicuramente importante calibrare la scelta di un'escursione in base al proprio stato di salute, alla propria resistenza e all'equipaggiamento a disposizione, dalle calzature all'abbigliamento o le attrezzature specifiche che possono servire in un particolare tipo di attività; le Guide ambientali, in questo, sono degli ottimi riferimenti a cui chiedere maggiori spiegazioni e consigli specifici».

Lascia il tuo commento
commenti