A Sant’Antioco, in Sardegna

″In vino veritas″ a ″Passaggi d’autore: intrecci mediterranei″

​La webserie diretta dal ruvese Michele Pinto sarà proiettata sabato 8 dicembre, in una serata presentata da Mirko Lino, fondatore e caporedattore di Emerging series journal​. Sarà presente il regista

Spettacolo
Ruvo di Puglia giovedì 06 dicembre 2018
di La Redazione
Michele Pinto a
Michele Pinto a "Passaggi d'autore" © Michele Pinto

Sarà la webserie “In vino veritas”, diretta dal regista ruvese Michele Pinto, a rappresentare la Puglia alla 14esima edizione del festival del cortometraggio “Passaggi d’autore: intrecci mediterranei”, in corso a Sant’Antioco, in Sardegna, fino al prossimo 9 dicembre.

Fortemente voluta dagli organizzatori, il circolo del cinema "Immagini", la proiezione del progetto filmico pugliese è inserita nella sezione Webseries e territorio: interazioni e interattività” e si terrà sabato 8 dicembre, in una serata coordinata e presentata da Mirko Lino, fondatore e caporedattore di Emerging series journal.

Sarà presente, come ospite del festival, anche lo stesso regista Michele Pinto che, attivo da oltre 20 anni nel campo della didattica dell’immagine e dello storytelling webseriale, è il primo ad aver realizzato una webserie made in Puglia e fra i più conosciuti in Italia e all’estero nel settore.

Selezionato agli Asia Web Awards 2018, già in occasione della quarta edizione del Sicily Web Fest, tenutosi a Gibellina lo scorso 30 giugno, emergendo fra le circa 117 serie in concorso, “In vino veritas” si è distinto per la sua capacità di narrare al meglio e mettere in luce la cultura e il territorio del Mare Nostrum, ricevendo il Premio speciale del Mediterraneo, consegnato dalle tenute Orestiadi. Inoltre è stato proiettato in occasione della cerimonia conclusiva del Wendie Webfest di Amburgo lo scorso 15 settembre.

Anche il festival “Passaggi d’autore”, che si propone come momento di incontro e confronto sul cinema dei Paesi del Mediterraneo, ha voluto proporre al suo pubblico il percorso suggestivo, sensoriale e iniziatico verso la conoscenza del rito tradizionale della vendemmia, alla scoperta delle pregiate gemme dell’uva.

Quarta webserie di Pinto, prodotta da Morpheus Ego in collaborazione con la Cantina di Ruvo di Puglia e scritta assieme allo sceneggiatore terlizzese Raffaele Tedeschi, “In vino veritas” omaggia la terra di Puglia, rendendola coprotagonista della narrazione, e propone un’analisi eclettica del vino e del suo ruolo economico, sociale e religioso nella storia del territorio pugliese.

Nel vino pulsano le vene della terra, quel vigore e quella forza ciclica di generazioni che l’hanno amata, ma anche piegata e spesso tradita, una terra che Dio ci ricorda, prima che sia troppo tardi, di custodire e proteggere in quanto servitori e non padroni.

Emozionante, impulsivo, schietto,“In vino veritas” è come una bottiglia di vino rara e preziosa stappata in una speciale occasione; innesca sensazioni ed intuizioni che, il flusso delle parti recitate, dell’interpretazione degli attori, delle metafore e dei dialoghi tra i personaggi, riprendono e dilatano per aprire passaggi segreti nell’universo del cuore.

La webserie si avvale dell’interpretazione dell’attore giovinazzese Fabrizio Fallacara – già presente nelle precedenti pluripremiate webserie della Morpheus Ego, “Bishonnen” e “Project M” –, del molfettese Francesco Tammacco - co-sceneggiatore con Pinto di “Project M” -, dell’attrice terlizzese Serena De Sario e della collaborazione della danzatrice ruvese Mimma Di Vittorio, con la partecipazione straordinaria del piccolo Marco Mastropirro.

Lascia il tuo commento
commenti