La sintesi

2018, il bilancio della Corgom seniores Rugby Corato

Sempre presenti i ruvesi Francesco Campanale, Michele Lamura e Giuseppe De Palo, tra i 10 giocatori con maggiore partecipazione, in attesa del pieno ritorno in condizione atletica di Alessandro Caputi​

Altri Sport
Ruvo di Puglia lunedì 31 dicembre 2018
di La Redazione
Rugby Corato
Rugby Corato © n.c.

Domenica 16 dicembre, con l’ultimo impegno sportivo dell’anno, si è concluso il 2018 della Corgom seniores Rugby Corato.

Nelle 15 gare disputate, sono arrivate cinque vittorie e dieci sconfitte: un percorso che non si discosta molto dai binari previsti a settembre 2017, al momento di intraprendere la partecipazione al campionato. La squadra che sta maturando esperienza, cercando di crescere partita dopo partita.

Dopo 15 mesi ne è stata fatta di strada, tra un sesto posto (su nove partecipanti) nella classifica finale della stagione 2017/2018, affrontata da “matricola” debuttante nel campionato seniores, e un terzo posto nella classifica intermedia della stagione 2018/2019 che ha appena mandato in archivio la sesta giornata.

Confrontando le statistiche della stagione passata e delle prime sei giornate di quella in corso, nel 2017/2018 sono stati schierati 36 giocatori diversi, di cui ben sette provenienti da Ruvo, mentre in quella attuale, con il rientro in grande stile del ruvese/veneto Alessandro Caputi, nell’ultima gara, si sono alternati 32 giocatori.

Tra i sempre presenti spiccano i ruvesi Francesco Campanale e Michele Lamura, insieme a Claudio Strippoli e Marco Gadaleta. Se i primi tre sono veterani biancoverdi, Gadaleta si segnala come una vera sorpresa per impegno e costanza. Tra i debuttanti in questa stagione, anche Angelo Ambregna, Michele Lupo, l’altro ruvese Giuseppe De Palo e Gabriele Stringari figurano tra i dieci atleti con maggiore partecipazione.

Nelle prime sei giornate della stagione in corso, la squadra ha affrontato quattro trasferte, comprese quelle di Rende, Potenza e Taranto, le tre più distanti previste dal programma.

Intanto, nel mese di gennaio, saranno riaperte le liste trasferimenti e la rosa della squadra biancoverde potrebbe essere arricchita con nuovi giocatori provenienti dal rugbymercato, insieme al pieno ritorno in condizione atletica di Caputi, vero e proprio lusso per la categoria.

Il primo impegno del 2019 vedrà il Corato di scena a Trani sul campo della Polisportiva “Ponte Lama” per la partita con la capolista Rugby Foggia, nella gara valida per l’ultima giornata del girone d’andata. Nelle restanti otto sono previste cinque partite casalinghe e tre trasferte.

Il termine casalinghe suona però beffardo per l’associazione dilettantistica bianco verde, costretta da tempo a giocare lontano da Corato. Tra i praticanti del gioco con la palla ovale, le speranze e i desideri per l’anno nuovo sono inevitabilmente concentrati sul tornare a giocare sul manto erboso del campo sportivo comunale di Corato e sulla fine del lungo esilio sportivo che ha contraddistinto il 2018.
Lascia il tuo commento
commenti