La tappa del Tour End Polio

La prima volta del tennis in carrozzina, «una bella pagina di sport nella nostra città»

La mattina gli studenti del “Tannoia” hanno incontrato l'atleta salentino Salvatore Caputo, colpito in tenera età dalla poliomielite, che ha raccontato la sua storia; il pomeriggio, spazio alle gare​​

Altri Sport
Ruvo di Puglia sabato 08 giugno 2019
di La Redazione
Doppio misto
Doppio misto © Midu Sport Handicap Puglia

Grande emozione a Ruvo di Puglia per l’arrivo della tappa del Tour End Polio, che ha portato per la prima volta nella nostra città il tennis in carrozzina, organizzata da Salvatore Caputo del Midu Sport Handicap Puglia grazie alla sensibilità di Deghi, Caseificio Pellegrini, del Tennis Ruvo preseduto da Antonio Stragapede e da Ruvo 2.0 “Ing. Salvatore Barile” preseduta da Michele Barile.

La manifestazione si è svolta in due fasi: la mattina gli studenti del “Tannoia” hanno incontrato il tennista salentino Salvatore Caputo, colpito in tenera età dalla poliomielite, e hanno ascoltato dalla sua voce come ha dovuto lottare contro le tante ingiustizie subìte nei vari momenti della sua vita. Ha detto loro che lo sport è stato molto importante per lui e che ha dovuto affrontare tanti sacrifici per raggiungere le varie località italiane e straniere in cui si reca per la sua attività di sensibilizzazione, necessitando di ben due carrozzine.

La dirigente del Tannoia Nunzia Tarantini lo ha ringraziato per il messaggio di vita trasmesso ai ragazzi. Nel pomeriggio, nei campi da tennis di via Volta, si sono svolte le gare in carrozzina, che hanno visto protagonista anche il sindaco Pasquale Chieco. In scena anche il doppio misto tra Salvatore Caputo e Valeria Gattulli contro Giuseppe Pisicchio e Liliana Catalano.

Il Primo cittadino ha ringraziato Caputo e le associazioni per aver organizzato l’evento, che ha definito «una bella pagina di sport nella nostra città», perché «attraverso lo sport è possibile veicolare valori importanti, abbattere barriere e pregiudizi, insegnare il rispetto per gli altri. Una bella esperienza che sarebbe bello ripetere», come ha scritto sulla sua pagina Facebook.

Caputo ha poi omaggiato tutti i partecipanti con una pignata in terracotta recante lo stemma della sua associazione, che quest’anno festeggia i 30 anni di attività sociale e sportiva. La manifestazione si è conclusa con un rinfresco offerto dagli organizzatori.

Nell'occasione, sono stati anche inaugurati gli spogliatoi dell'impianto del tennis che il Comune ha ristrutturato e reso più funzionale, sistemando anche il piazzale d’ingresso. «Un intervento necessario per migliorare la fruizione dell’intera struttura e che speriamo possa contribuire a un rilancio dell’attività tennistica a Ruvo», ha auspicato il Sindaco.

Lascia il tuo commento
commenti