Serie B

Arriva un altro stop per la Tecnoswitch Ruvo in trasferta contro la Virtus Valmontone

Gara già decisa nel primo quarto, quando i ruvesi si riempiono di falli che condizioneranno il prosieguo della partita. I laziali hanno meritato la vittoria, approfittando della débâcle dei ruvesi

Basket
Ruvo di Puglia lunedì 02 dicembre 2019
di Giuseppe Tedone
Virtus Valmontone - Tecnoswitch Ruvo
Virtus Valmontone - Tecnoswitch Ruvo © Virtus Valmontone

Sin dall’avvio di questa stagione, si era capito che la Tecnoswitch Ruvo avesse il mal di trasferta nella Capitale. Infatti su quattro trasferte consecutive laziali, sono arrivate quattro sconfitte e per fortuna che nel girone d’andata non ce ne saranno più, mentre in quello di ritorno saranno solamente due trasferte.

Non vuole essere un alibi: i bianco-azzurri erano giunti in quel di Valmontone senza due giocatori, Simone Bonfiglio e Sava Razic. A queste assenze si aggiungono anche le tante imprecisioni dei ragazzi di coach Dimitri Patella: già nel primo quarto si aggravano di falli, compromettendo da subito l’andamento della gara.

Subito coach Patella deve rinunciare nei primi minuti a Matteo Bini, gravato di 2 falli; nei minuti successivi arriva un’altra grana per la Tecnoswitch Ruvo. Infatti a Vanni Laquintana vengono fischiati 3 falli e quindi deve accomodarsi subito in panchina. Ruvo gioca con il doppio play: in campo Alberto Di Salvia e Giuseppe Ippedico, ma questa mossa non porta alcun frutto.

In casa ruvese provano a rialzare la testa Nicolò Bertocco, il capitano Ignacio Ochoa, Daniele Dell’Uomo provando a prendersi delle responsabilità e i due lunghi Bini e Matteo De Leone, ma la situazione non cambia. Mentre Valmontone comincia, con il passare dei minuti, a ingranare approfittando della situazione negativa in casa Tecnoswitch.

In casa laziale salgono in cattedra Luca Bisconti e Matteo Caridà, i due uomini più esperti della squadra allenata dal coach Alex Righetti, con un passato in serie A e Nazionale. Dopo un grande divario nel finale del primo quarto, Ruvo prova a riaccorciare le distanze, terminando il primo periodo sotto di 8 (20-12).

Nel secondo periodo, i bianco-azzurri provano a dare una scossa alla propria gara: come dimostra il parziale di quarto c’è molto equilibrio (19-14), con la squadra di casa che prova a frenare l’entusiasmo ruvese e prima dell’intervallo, quando mancano pochi secondi al termine, i laziali riescono a trovare una tripla che vale il +13 (39-26) a dimostrazione che gira tutto bene per loro.

Nei restanti terzo e quarto periodo non c’è molto da raccontare: l’unica piccola soddisfazione in casa Ruvo è l'aggiudicarsi il parziale dell’ultimo periodo, quando Valmontone molla e i bianco-azzurri provano a rendere meno amaro il passivo.

Termina la gara con il punteggio finale di 78-67: vanno dati i meriti a Valmontone che ha voluto a tutti i costi portare a casa l’intera posta in palio, con un atte.giamento unanime nei 40’ minuti di gioco. Con due punti raggiunge proprio Ruvo a 10 punti in classifica.

Semaforo rosso in casa Tecnoswitch: i ragazzi di coach Patella dovranno subito rifarsi nella prossima partita casalinga, sabato 7 dicembre, al PalaPoli dove arriverà la Meta Formia, vittoriosa nella sfida contro la Scandone Avellino, dell’ex Mirko Gentili. Palla a due alle ore 18.00.

Tabellino

Virtus Valmontone – Tecnoswitch Ruvo 78 – 67

(20-12, 39-26, 62-48, 78-67)

Virtus Valmontone: D. Scodavolpe 3, D. Bonessio 3, G. Casale 10, L. Bisconti 16, M. Caridà 21, M. Cavallo 10. G. Di Poce 5, G. Santini 7, E. Ugolini 3, B. Mozic, A. Pedà n.e. Coach: A. Righetti

Tecnoswitch Ruvo: I. Ochoa 10, A. Di Salvia, G. Laquintana 18, F. Poli n.e., M. Bini 8, G. Ippedico, N. Bertocco 16, D. Dell’Uomo 8, G. Barnaba n.e., M. De Leone 6. Coach: D. Patella

Lascia il tuo commento
commenti