Serie B

Una buona Tecnoswitch Ruvo cede alla prima della classe Citysightseeing Palestrina

​Dimitri Patella: «Posso ritenermi più che soddisfatto della prestazione della mia squadra contro la prima della classe. L’unico rimpianto: non aver sfruttato al meglio qualche pallone mal gestito»

Basket
Ruvo di Puglia lunedì 24 febbraio 2020
di Giuseppe Tedone
Tecnoswitch Ruvo - Citysighseeing Palestrina
Tecnoswitch Ruvo - Citysighseeing Palestrina © Talos Basket Ruvo

In un insolito PalaFiori di Terlizzi, ieri pomeriggio, per la 23esima giornata del campionato di serie B di basket girone D, si è disputata la partita casalinga della Tecnoswitch Ruvo contro la capolista Citysighseeing Palestrina.

A dispetto della prima in classifica, i ragazzi di coach Dimitri Patella hanno disputato una buona partita. Sicuramente ci sono dei rimpianti a causa di errori superficiali che, nei momenti in cui Ruvo si riporta a ridosso di Palestrina, hanno inciso sulla sconfitta finale. Tutto sommato, i biancoazzurri possono ritenersi soddisfatti della prova complessiva contro una pretendente al salto di categoria. I tifosi, nonostante si sia giocato in un altro palazzetto, non hanno fatto mancare il loro apporto, perché i giocatori stanno onorando al meglio questo campionato, e quindi bisogna continuare a sostenerli.

Subito dopo la palla a due nella prima azione della squadra ospite, Palestrina perde il suo pivot Riccardo Bartolozzi, a cui va un in bocca al lupo di buona guarigione in vista anche dei play-off. Coach Francesco Ponticiello perde subito un elemento, ma la sua squadra non si disunisce, nonostante la grave perdita. Di contro la Tecnoswitch Ruvo inizia con un atteggiamento propositivo, forse in difesa lascia qualche spazio, concedendo nel primo quarto dei canestri facili da realizzare a Palestrina. Dopo i primi dieci minuti il parziale è Ruvo 17 Palestrina 15. Il secondo periodo come parziale è in favore alla squadra romana, infatti Ruvo sbaglia troppo, mentre gli avversari trascinati da un immenso Gianmarco Rossi che con i suoi canestri dà il primo allungo in favore di Palestrina. Non solo Rossi, i romani sono bravi rispetto alla Tecnoswitch, grazie al pivot Iba Koite Thiam, che sotto le plance si va valere.In casa Ruvo ci provano sia Vanni Laquintana, Ignacio Ochoa (l’ex di turno), Simone Bonfiglio, Daniele Dell’Uomo e Matteo De Leone a rimanere aggrappati alla partita. Si giunge così all’intervallo sul punteggio di 35-45.

Dopo la pausa, tutti si aspettano una reazione ruvese, oppure il pieno controllo della gara da parte di Palestrina, ma non è così perché la Tecnoswitch Ruvo non ci sta, nonostante sa di affrontare la prima della classe, e non vuole passare per vittima sacrificale. Nel terzo periodo inizia un’altra partita con i biancoazzurri che decidono di cambiare registro rispetto al secondo quarto, mentre Palestrina sembra soffrire il ritorno della squadra ruvese. L’unica pecca è anche la sfortuna di molti canestri che il ferro respinge.

A questo punto Ruvo non ha niente da perdere, e mette in campo tutto ciò che può. Anche il pubblico non vuole far mancare il suo supporto, comincia a capire che la gara potrebbe cambiare. Salgono in cattedra i soliti della squadra: da Laquintana, a Ochoa, a De Leone e si unisce anche Matteo Bini. Anche lui non ci sta a perdere trovando una buona media dai 6.75 m.

Gli ultimi minuti sono a cardiopalma, perché la gara continua a regalare emozioni secondo dopo secondo. Ruvo è sul – 3 e, a due minuti dal termine, Ochoa ha la possibilità realizzando di portarsi sul -1, ma sbaglia. Alla fine, gli errori ruvesi contro la precisione di Rossi e Simone Rischia che decidono di archiviare la gara in proprio favore. Termina così la partita con il risultato finale di 75-83.

Tra i convocati era presente il nuovo acquisto della Tecnoswitch Ruvo, il play Marco Stimolo proveniente dal New Basket Mola, in sostituzione dell’infortunato Alberto Di Salvia.

«Nei minuti decisivi abbiamo sbagliato qualche pallone e tiro di troppo, – dichiara coach Dimitri Patella - ma, nonostante tutto, lo accettiamo perché affrontavamo una signora squadra. Palestrina è una squadra molto organizzata, ben strutturata e non a caso sono primi in classifica, hanno un roster molto lungo e possono contare anche sull’apporto dei più giovani che entrano dalla panchina.

Per quanto riguarda noi, nonostante la sconfitte, a sono arrivate buone notizie anche dai risultati delle altre gare, quindi il vantaggio sulle squadre che ci inseguono è rimasto immutato. Possiamo ritenerci soddisfatti, ma dobbiamo conquistare più punti possibili per raggiungere l’obiettivo salvezza.

I ragazzi cominciano anche ad avvertire un po’ di stanchezza anche per via del girovagare da una struttura all’altra, in settimana mercoledì non abbiamo avuto il palazzetto a disposizione e quindi abbiamo disputato un'amichevole ad Altamura. Per fortuna siamo stati bravi nel sopperire alla mancanza del nostro palazzetto, ma non vediamo l’ora di tornare a casa nostra».

Tabellino

Tecnoswitch Ruvo – Citysighseeing Palestrina75-83

(17-15, 35-45, 52-61, 75-83)

Tecnoswitch Ruvo: I. Ochoa 15, S. Bonfiglio 8, G. Laquintana 23, F. Poli n.e., M. Bini 14, N. Bertocco 2, D. Dell’Uomo 3, A. Stepanovic, M. De Leone 10, M. Stimolo n.e. Coach: D. Patella

Citysighseeing Palestrina: F. Moretti n.e., S. Rischia 9, G. Rossi 33, M. Mastroianni 10, R. Bartolozzi, M. Mennella 9, C. Egwoh, A. Cecconi n.e., A. Barsanti n.e., A. Cacace, I. Thiam 16. Coach: F. Ponticiello

Lascia il tuo commento
commenti