Il comunicato

Be Board Ruvo: «Noi annullati da un gesto di follia e violenza che ci seppellisce e penalizza»

La dirigenza della società si dissocia dal brutto episodio accaduto sabato, che ha avuto come protagonista un tifoso della squadra: «uno strattone che non ha nulla a che vedere con lo sport​»

Calcio
Ruvo di Puglia martedì 06 novembre 2018
di La Redazione
Be Board Ruvo-Real Team Matera
Be Board Ruvo-Real Team Matera © Puglia5.it

A distanza di due giorni dalla partita giocata (e poi sospesa) lo scorso sabato, la dirigenza della Be Board Ruvo ha emesso un comunicato stampa in cui esprime solidarietà agli arbitri, dissociandosi nettamente dall'episodio di violenza che ha avuto come protagonista un tifose della squadra.

I rappresentanti della società si dicono «abbattuti da un ciclone inaspettato giunto dagli spalti a cancellare quello per cui si lavora costantemente e quotidianamente. Buttati con le spalle al muro da uno strattone che non ha nulla a che vedere con lo sport, con il calcio a 5, con quello che facciamo giorno dopo giorno.

Società, staff tecnico e giocatori annullati da un gesto di follia, di violenza che ci seppellisce e penalizza nel nostro storico momento migliore.

Per questo è unanime la nostra condanna, è unanime il nostro "no" a qualsiasi gesto violento in campo e fuori dal parquet. La nostra società in tutta la sua storia non ha mai fatto parlare di sé per episodi del genere».

Il presidente dell'asd Futsal Ruvo Nicola Fracchiolla, «a nome del consiglio direttivo esprime tutta la nostra solidarietà ai due arbitri e, nel contempo, si dissocia dagli atteggiamenti violenti compiuti da un individuo che non appartiene alla nostra società. Ci riserviamo, altresì, di agire per le vie legali per la tutela e immagine della nostra società».

Lascia il tuo commento
commenti