Le interviste

Primi bilanci stagionali in casa Be Board e Public Ruvo

Approfittando delle due settimane di stop, i dirigenti Nicola de Venuto e Michele Caldarola si sono raccontati, dichiarando che entrambe le compagini rispetteranno gli obiettivi di inizio stagione

Calcio
Ruvo di Puglia giovedì 07 febbraio 2019
di Giuseppe Tedone
Be Board Ruvo
Be Board Ruvo © Asd Futsal Ruvo

Sabato riprendono i campionati di serie B e C2 nei quali sono impegnate la Be Board e l’asd Public Ruvo. In queste due settimane di pausa, entrambe le squadre hanno avuto parecchio tempo per preparare al meglio le gare in programma nel weekend. La formazione bianco-rossa sarà impegnata al PalaColombo, dove arriverà la New Taranto C5, mentre i ragazzi bianco-azzurri giocheranno in trasferta al Palafiori, dove andrà in scena il derby contro il Futsal Terlizzi.

Abbiamo contattato i due dirigenti Nicola de Venuto (Be Board Ruvo) e Michele Caldarola (asd Public Ruvo), che hanno tracciato un primo bilancio stagionale delle proprie compagini.

Be Board Ruvo

Dopo la sosta di due settimane, come si approccia la squadra alla gara di sabato?

Dopo ogni sosta il primo obiettivo è quello di recuperare gli infortunati. Sono state due settimane un po’ particolari, considerato che per sabato dobbiamo rinunciare già a due giocatori, a cui si aggiungerà anche Ivan Marquinia (anche lui infortunato). Saremo molto rimaneggiati e quindi sarà molto difficile portare a casa i 3 punti, ma come da nostro dna ce la giocheremo fino alla fine.

Un primo bilancio stagionale?

Il primo bilancio stagionale è sicuramente positivo, nessuno di noi si sarebbe aspettato la qualificazione alla Final Eight e allo stesso tempo il quarto posto in classifica, anche se siamo in attesa del responso finale del giudice sportivo per la gara contro il Futura Matera. Nel caso dovesse andare in porto, occuperemmo sempre l’attuale posizione con un po’ di sicurezza sulla quinta in classifica.

Sul capitolo della qualificazione alla Final Eight, i ragazzi hanno scritto una bella pagina della vostra storia calcistica.

Dopo il quinto anno posso affermare che questo è stato il traguardo più inaspettato da quando è stata creata la società. Abbiamo scritto una bellissima pagina della nostra storia, quest’anno sportivo sicuramente non verrà mai dimenticato, considerato che negli anni precedenti abbiamo sempre disputato campionati con l’obiettivo della salvezza; è una soddisfazione sia per quanto riguarda la squadra, sia per la città, perché diamo un’immagine senz’altro più che positiva.

Eravate partiti con l’obiettivo della salvezza, a questo punto della stagione puntate ai play-off?

Arrivati a questo punto della stagione non ci nascondiamo e puntiamo dritto sull’obiettivo dei play-off, visto che l’ultima retrocede e la penultima disputerà i play-out contro gli altri gironi e per fortuna il margine è notevole.

I tifosi fanno bene a sognare? E voi come società preferite essere cauti?

I tifosi fanno bene a sognare, e non solo loro. Anche noi sogniamo, e posso garantire a nome di tutti che proveremo a mettercela tutta fino alla fine e quando inizieranno i play-off. Non siamo soli, perché ci sono altre come squadre come il Futura e Real Matera, e la stessa Taranto che affronteremo questo sabato. A nome della società vorrei lodare tutti i nostri supporter che in ogni gara casalinga riempiono il PalaColombo, non facendo mancare mai il loro supporto.

Qualche ringraziamento in particolare?

Innanzitutto ci terrei a ringraziare la società per gli sforzi che fa ogni anno per portare avanti questo sodalizio, poi tutti i giocatori, il mister e il suo staff, perché se la stagione è meravigliosa il merito è tutto loro.

Asd Public Ruvo

Considerata la sosta, quali sono le condizioni attuali della squadra?

Possiamo dire che la sosta è arrivata nel momento più giusto per noi, i ragazzi hanno lavorato bene e tanto, sono sicuro che il lavoro svolto porterà i suoi frutti nella seconda metà del campionato. Voglio cogliere l’occasione per fare i complimenti a tutti da parte dell’intero staff per la voglia, la determinazione e la professionalità che hanno messo a disposizione del nostro mister durante gli allenamenti.

Siamo a metà campionato, un primo bilancio? Sono state rispettate le aspettative di inizio stagione?

Ovviamente quando inizia una nuova stagione si fissano degli obiettivi, non nascondo che il nostro sono i play-off, anche se guardando adesso la classifica non veniamo da ottimi risultati (parlo del risultato finale e non del gioco), quindi al momento siamo al di sotto delle aspettative. Il campionato è ancora lungo e noi dobbiamo provare a credere nel raggiungimento della zona play-off. Siamo una squadra unità: dalla società, al mister, alla dirigenza fino a tutti i ragazzi, remiamo tutti dalla stessa parte e questo non può far che bene.

Cosa vi aspettate da sabato fino al termine della stagione?

Sabato siamo attesi da una sfida impegnativa, ossia il derby contro il Futsal Terlizzi, seconda forza del campionato; non c’era squadra migliore da affrontare in questo momento perché vogliamo far capire agli altri che non regaleremo punti a nessuno, tutte le squadre dovranno sudare contro di noi. Sono sicuro che i nostri ragazzi daranno tutti il massimo già da questo fine settimana per provare a portare a casa i 3 punti.

Da dirigente come giudica il progetto asd Public Ruvo? Ci può essere un futuro?

Per me si tratta della prima esperienza da dirigente di una società sportiva, quando mi è stato proposto non ci ho pensato due volte e ho subito accettato, anche se non avevo molta esperienza. Penso sia un ruolo che mi si addice e sono orgoglioso di far parte di questo gruppo, in quanto mi sento al centro del progetto e conosco benissimo le ambizioni della società. Con la presidenza e il mister c’è un rapporto di stima reciproca, ci incontriamo spesso per fare il punto della situazione, mi trovo bene con l’ambiente Public perché mi fa sentire a casa; per me è diventato come una seconda famiglia, quindi posso dire che ci sarà un seguito a questo progetto, ovviamente rivedendo delle situazioni che possono aiutarci a crescere e migliorare insieme.

Lascia il tuo commento
commenti