Final Eight

Un’ottima Be Board cede sul campo all’Italpol, ma vince a tavolino

In serata il colpo di scena: il giudice sportivo accetta il ricorso per la squalifica di Cintado Aragon Abraham, che non avrebbe potuto essere schierato. Alle 19 la squadra affronterà Città di Massa​

Calcio
Ruvo di Puglia sabato 09 marzo 2019
di Giuseppe Tedone
Final Eight
Final Eight © Asd Futsal Ruvo

Venerdì 8 marzo sarà un giorno che rimarrà molto impresso nella storia calcistica della Be Board Ruvo, perché per la prima volta ha rappresentato l’intera Puglia nella Final Eight di serie B. Eppure i ruvesi non sono stati molto fortunati quando è stato effettuato il sorteggio, perché dall’urna è stata estratto un avversario non facilissimo da affrontare, l’ItalPol calcio a 5, squadra che sta dominando il proprio girone.

Nonostante la Be Board fosse giunta qui in Molise non con i favori dei pronostici, la compagine barese ha disputato un ottimo quarto di finale, a cui si è aggiunta però tanta sfortuna perché i ragazzi allenati da mister Giampaolo Piacenza sul punteggio di 3-2 hanno avuto varie occasioni, tra cui quella più nitida: su un passaggio di Ivan Marquinia arriva la palla al centro, dove Antonio Amoruso non riesce a insaccare per pochi centimetri davanti alla porta avversaria.

Match che si sblocca dopo circa 2’ 04’’ quando Luca Ippoliti porta subito in vantaggio i suoi; non passa nemmeno un minuto dal gol che subito arriva il raddoppio in favore della squadra laziale con Paulinho porta a due reti di distanza il vantaggio. Il tempo di battere dal centro che la Be Board Ruvo riapre immediatamente la gara con la rete di Giacomo Ciliberti, che rimette subito in corsa la squadra. Dopo quest’avvio sprint, le due compagini calano un po’ i ritmi, e prima di giungere all’intervallo, al minuto 18’13’’, Fred riesce a trovare il gol del 3-1 che forse sarà decisivo per il resto della gara.

Nella ripresa il copione rimane sempre lo stesso, con l’Italpol in pieno controllo della partita, ma deve fare i conti con la tenacia e la grinta dei ragazzi ieri in maglia blaugrana che non voglio arrendersi. Infatti al 6’ Ivan Marquina accorcia le distanze, dando dei segnali alla squadra avversaria che per ottenere il passaggio del turno dovrà faticare più del previsto.

I ruvesi galvanizzati dalla rete continuano a premere sull’acceleratore, l’Italpol con il passare dei minuti sembra poter subire l’arrembaggio della compagine pugliese. Mister Piacenza non ha più nulla da perdere e si gioca la carta del portiere in movimento, ma come detto precedentemente arriva l’occasione più importante della gara ad Amoruso che per poco non riesce a insaccare la porta.

Si arriva così al 18’ 26’’, Ruvo è in attacco e perde palla, ne approfitta Paulinho che trova il gol che spegne definitivamente le speranze della squadra barese chiudendo la gara sul punteggio finale di 4-2.

Sul campo la Be Board ha perso, ma in serata è avvenuto un colpo di scena perché la società ruvese ha presentato ricorso per l'irregolarità del giocatore Cintado Aragon Abraham dell'ItalPol, che non poteva essere schierato perché nella competizione della passata stagione, in cui la squadra militava nella Coppa Regionale, risultava squalificato nella partita persa contro lo Sporting Juvenia. Giustamente, dopo la sconfitta, la società ruvese ha subito provveduto a presentare il ricorso, che è stato accettato, consentendole di vincere a tavolino per 6-0.

Quindi il destino ha voluto che l'avventura della Be Board Ruvo continuasse, infatti questa sera alle ore 19 la squadra barese affronterà il Città di Massa, che nella gara di ieri ha sconfitto i padroni di casa del Cln Cus Molise.

Tabellino

ItalPol – Be Board Ruvo 4 – 2

Marcatori: Ippoliti (I), Paulinho (I), Ciliberti (R), Marquina (R), Paulinho (I)

ItalPol : Giannone, Garcia, Fred, Paulinho,Ippoliti, Gattarelli, Gravina, Armellini, Frigerio, Batella, Buccolini, Abraham.All.re: Ranieri

Be Board : Mastrorilli, Amoruso, Garcia, Garcia Rubio, Marquina, Iglesias Ballesteros, Andriani, Lovino, Ciliberti, D. Campanale, Mazzone, Fracchiolla, Pellicani. All.re: Piacenza

Lascia il tuo commento
commenti