Serie C2

Sconfitta nel derby per la Byre Ruvo contro il Cus Bari C5

Mister Lobascio: «Abbiamo affrontato una delle squadre attrezzate per la vittoria finale senza sfigurare. I ragazzi volevano vincere per dedicare la vittoria a Raffaele per la scomparsa del papà»

Calcio
Ruvo di Puglia martedì 12 novembre 2019
di Giuseppe Tedone
Cus Bari C5 - Asd Byre Ruvo
Cus Bari C5 - Asd Byre Ruvo © Asd Byre Ruvo

Sabato pomeriggio si è giocata la sesta giornata del campionato di serie C2. Al Centro universitario sportivo di Bari, era in programma il derby tra i padroni di casa del Cus Bari che sfidavano l’asd Byre Ruvo, squadre divise in classifica da cinque punti.

Al termine dei 40’ di gioco l’intera posta in palio è stata portata a casa dal Cus Bari, ma per la Byre non devono esserci rimpianti perché nonostante tutto, i ragazzi di mister Michele Lobascio sono stati bravi nel tener testa a una delle squadre che lotterà fino alla fine per i primi posti in classifica.

Dopo una fase di studio nel primo tempo, il Cus Bari è bravo a sbloccare la gara grazie a una combinazione tra il centrale Federico Colonna e il pivot Sabino Sardella che insacca la porta difesa da Domenico Schiavone. Dopo il gol c’è subito la reazione in casa ruvese, sale in cattedra Giuseppe Pagano che con un’azione personale si procura un calcio di punizione, da cui scaturirà la rete del pareggio; Fabio Di Bisceglie batte la punizione passando la palla a Pagano che pareggia subito i conti. Le due squadre vanno all’intervallo sul parziale di 1-1.

Nella ripresa non arrivano buone notizie per la Byre Ruvo, infatti la squadra celeste-nero deve rinunciare a Davide Campanale a causa di un problema muscolare, limitando le rotazioni per il mister Lobascio. Bari approfitta di questa dèfaillance, alza i ritmi e diventa un po’ più aggressivo, nonostante di fronte trovi una Ruvo molto resistente, che riesce a tenergli testa.

Poi avviene un episodio molto dubbio, il direttore di gara assegna un rigore in favore del Bari per un mani in area ruvese, sul dischetto si presenta il capitano Francesco Castro che spiazza Marco Campanale, riportando i suoi in vantaggio. Ma il gol subìto porta vantaggio proprio alla Byre, che con tenacia riesce a pareggiare con Bartolo Sette, bravissimo a sfuggire agli avversari e a punire il portiere di casa. Ma il Cus non ci sta e purtroppo punisce ancora una volta la squadra avversaria con Sardella (doppietta per lui).

A questo punto mister Lobascio si gioca la carta del portiere in movimento, reinserendo Campanale e lasciando libera la porta. Da una palla persa, Castro è bravo a trovare la rete del definitivo 4-2 che chiude la contesa. Con questi 3 punti il Cus Bari diventa la nuova capolista del girone A, approfittando della sconfitta interna dell’Alta Futsal contro l’Eraclio calcio a 5, mentre la Byre Ruvo rimane ferma a 6 punti. Nella prossima giornata i ruvesi saranno impegnati in casa contro l’Azetium Rutigliano C5.

«Abbiamo incontrato una delle squadre attrezzate per la vittoria finale, senza sfigurare affatto - dichiara il mister Michele Lobascio -, nonostante la defezione per squalifica del nostro miglior marcatore e quella a gara in corso di Davide Campanale. Torniamo a casa con i complimenti degli avversari ma senza punti utili alla classifica. I ragazzi volevano fortemente dedicare la vittoria al compagno di squadra Raffaele che purtroppo ha perso suo padre. Vittoria solo rimandata per questo gruppo di ragazzi eccezionali. La squadra è in ripresa e sta acquisendo sicurezza nei propri mezzi.

Adesso testa alla gara che ci vede impegnati a Molfetta per il passaggio del turno di Coppa Italia. Passare il turno di coppa significherebbe ricevere il giusto merito al nostro lavoro e aver già oltrepassato un gradino importante per questo gruppo di ragazzi totalmente nuovo.

Lascia il tuo commento
commenti