La Puglia è in zona gialla e, dalle 5 alle 22, è consentito fare attività sportiva all'aperto nel rispetto delle misure di sicurezza antiCovid

Un lettore: «Le aree verdi attrezzate ritornino usufruibili per chi pratica sport all'aperto»

Si fa riferimento, in particolare, al “Parco della Musica -Antonio Summo”; alla Pineta Comunale, al Parco Levi e al Parco Belvedere in via Pertini

Whatsapp
Ruvo di Puglia giovedì 25 febbraio 2021
di La Redazione
Parco Levi
Parco Levi © Google maps

A Ruvo di Puglia «quattro parchi attrezzati e recintati sono tuttora chiusi. I ragazzi che praticano sport all’aperto sono costretti ad andare nelle aree verdi dei paesi limitrofi per usufruire di attrezzi specifici».

Così ha inizio la segnalazione di un lettore alla nostra Redazione a proposito di un disagio vissuto da molti sportivi.

A Ruvo di Puglia, il sindaco Pasquale Chieco, quale misura di contrasto alla diffusione del coronavirus, aveva disposto, con ordinanza del 13 novembre 2020, prorogata sino al 13 dicembre, il divieto di assembramento e stazionamento nei parchi e ville comunali. Il nostro lettore, pur comprendendo le ragioni, sottolinea che queste aree sono ancora chiuse nonostante l'ordinanza sia ormai scaduta.

Ricordiamo che, essendo la Puglia zona gialla, dalle 5 alle 22, salvo diverse specifiche disposizioni delle autorità locali e sempre che sia garantito il distanziamento fisico, è consentito frequentare parchi e giardini pubblici, nonché aree gioco, per svolgere anche attività sportiva. 

«Fatta eccezione per piazza Dante, le altre aree verdi attrezzate non sono usufruibili» prosegue il lettore che fa riferimento, in particolare, al “Parco della Musica -Antonio Summo”; alla Pineta Comunale, al Parco Levi,  destinatario di un progetto di riqualificazione, e al Parco Belvedere in via Pertini (per quest’ultimo si cerca gestore tramite avviso).

«Bambini e ragazzi stanno avendo molte difficoltà – continua -. Il parco Mennea, domenica scorsa (21 febbraio, ndr) è stato finalmente ripulito, ma qui mancano attrezzature specifiche e giostre. E così i ragazzi sono costretti ad andare ad allenarsi nel Parco-Villa comunale di Corato dove gli operatori preposti controllano che siano rispettate le distanze di sicurezza» conclude.

Il lettore si augura, alla fine, che anche a Ruvo di Puglia si possa ritornare, per quello che è possibile e sempre nel rispetto delle misure di sicurezza antiCovid, a usufruire pienamente delle aree verdi attrezzate.

 

Lascia il tuo commento
commenti